stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura "I Beati Paoli", amori e intrighi in scena al teatro Don Bosco di Palermo
LO SPETTACOLO

"I Beati Paoli", amori e intrighi in scena al teatro Don Bosco di Palermo

teatro, Palermo, Cultura
I Beati Paoli

Misteri, vendette, amori, intrighi e segreti. Tutto questo è “I Beati Paoli”, l’opera di Luigi Natoli che approda, per la prima volta in versione integrale, sul palcoscenico per la regia di Giuseppe Bongiorno della Compagnia Teatrale “Araldo del Vespro”.

Appuntamento sabato 13 novembre, alle 21, al Teatro Don Bosco Ranchibile, in via Libertà 199, a Palermo. 

“Verranno messi in scena i fatti narrati nell’opera di Luigi Natoli in versione completa, senza alcuna rivisitazione – spiega il regista Giuseppe Bongiorno -. Si tratta, nel dettaglio, di una rielaborazione del romanzo. Il protagonista principale, però, è il popolo, colui che leggeva, soprattutto, l’opera di Natoli, che è riuscito a rispecchiare, al meglio, la vita quotidiana dei quartieri, con particolare riferimento al Capo, dove la vicenda è ambientata”.

Una setta segreta al centro del romanzo di appendice “I Beati Paoli”, scritto da Luigi Natoli, tra il 1909 e il 1910, e pubblicato a puntate sotto lo pseudonimo di William Galt sul “Giornale di Sicilia”. È il 1713, quando, a Palermo, si narra la storia, tra gli altri, del coraggioso Blasco da Castiglione, della bella e passionale donna Gabriella, dell’ingenua Violante e del misterioso Coriolano della Floresta. Alle loro spalle, però, sono sempre presenti loro: i Beati Paoli. Ma chi sono? Da qui, la trama si dirama in un intreccio fatto di intrighi e segreti che, pian piano, verranno svelati.

"Quello che, però, vogliamo fare è sfatare un mito: I Beati Paoli non narra di una setta dalla quale si può fare risalire la nascita della mafia", prosegue Bongiorno.

I costumi e le scenografie sono realizzati dalla compagnia teatrale “Araldo del Vespro” e rispecchiano lo stile e la moda settecentesca. Si potranno ammirare lo stile francese, ma anche quello spagnolo con un tocco di modernità.

In scena anche le coreografie eseguite sulle note della voce di Rosa Balistreri: i suoi brani, infatti, accompagneranno i momenti più salienti della trama, rendendoli ancora più emozionanti.

"Abbiamo deciso di portare in scena “I Beati Paoli” poiché abbiamo voluto proseguire l’intreccio, legato alla tradizione, riproposta in un modo nuovo, che, sinora, ha distinto l’Araldo del Vespro – conclude Giuseppe Bongiorno -.  Ecco, allora, che continuiamo questo cammino con i romanzi storici e, in Sicilia, uno dei maggiori esponenti è proprio Natoli, che ha dato vita ad una leggenda, che ha reso famosi la Sicilia e il quartiere Capo, dove, tra l’altro, la nostra associazione realizza numerosi eventi".

Si tratta del terzo copione della compagnia teatrale “Araldo del Vespro”. Dopo “Orlando e Rinaldo: da pupi a realtà”, “Rosalia: da pupi a realtà”, adesso con “I Beati Paoli”, i giovani ragazzi dell’Araldo tornano sul palco dopo lo stop causato dalla Pandemia.

Lo spettacolo si svolgerà nel pieno rispetto delle norme anti Covid-19. Gli spazi, al Teatro Don Bosco Ranchibile, che accoglieranno il pubblico, e il palcoscenico, vengono, periodicamente, sanificati e sono allestiti secondo le regole del distanziamento sociale.

Per richiedere i biglietti basta contattare le pagine Facebook e Instagram della compagnia teatrale “Araldo del Vespro”, oppure chiamare i numeri 380 3645917- 389 1212319.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X