stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Nuovo pronto soccorso all'ospedale Villa Sofia di Palermo, partiti i lavori
IL CANTIERE

Nuovo pronto soccorso all'ospedale Villa Sofia di Palermo, partiti i lavori

sanità, Palermo, Cronaca
Il progetto del nuovo pronto soccorso di Villa Sofia a Palermo

Un prefabbricato in acciaio di 300 metri quadrati sarà il padiglione destinato all'accoglienza dei pazienti al nuovo Pronto soccorso dell'ospedale Villa Sofia di Palermo. I lavori, che fanno capo al Consorzio Conpat di Roma, sono iniziati questa mattina. Il via dopo la disposizione del presidente della Regione Nello Musumeci e il contratto stipulato dalla struttura diretta da Tuccio D’Urso con l'azienda appaltatrice.

Si tratta del primo passaggio per la realizzazione del nuovo pronto soccorso. La struttura sarà suddivisa in tre parti: la prima (di circa 130 metri quadrati) una camera calda carrabile per la sosta delle ambulanze e dei mezzi privati che trasportano pazienti. La seconda (80 metri quadrati) una zona di pre-triage per il primo trattamento e smistamento dei pazienti che arrivano in emergenza. Questa area, oltre a locali destinati al personale delle ambulanze, avrà una zona destinata al deposito delle barelle affinché i mezzi in emergenza non debbano sostare lungamente per attendere la restituzione delle stesse lettighe su cui è stato adagiato il paziente trasportato. La terza zona, di circa cento metri quadrati, è destinata all'accoglienza del pubblico che si presenta al Pronto soccorso autonomamente, affinché possa attendere il turno per le eventuali visite ambulatoriali o per ottenere cure mediche.

La sala potrà accogliere anche i parenti dei ricoverati, in attesa di notizie sul loro stato di salute. Il progetto è stato redatto su precise indicazioni logistiche da parte dell'azienda ospedaliera, guidata da Walter Messina. Il cantiere avviato stamane riguarda i lavori preparatori all'interno della struttura per aprire un nuovo ingresso, non potendosi interrompere l'accesso dei pazienti.

«In questo modo - sottolinea l’assessore alla Salute Ruggero Razza - si metterà fine a quanto si verifica sino a oggi, quando lo sbarco dei pazienti a bordo dei mezzi di soccorso avviene all'aperto, così come all'aperto sono costretti ad attendere anche gli altri pazienti che si presentano in codice bianco, oltre  ai parenti delle persone ricoverate o in attesa di ricovero».

Particolare attenzione sarà dedicata poi alla sala d'aspetto, dov'è previsto un apposito banco per l'ascolto di chi si presenta in codice bianco. Altra specifica realizzazione è costituita da un punto in cui i parenti dei pazienti ricoverati si potranno collegare con il proprio congiunto o con il medico che lo sta assistendo, per potere avere direttamente notizie sulle condizioni di salute. Ciò dovrebbe annullare le situazioni di tensione che purtroppo spesso si manifestano al Pronto soccorso.

Le attività preliminari (realizzazione del nuovo ingresso, smontaggio dell'attuale pensilina, realizzazione della fondazioni) dovrebbero durare circa trenta giorni. Nei successivi venti giorni saranno montati i padiglioni prefabbricati. I lavori vengono assistiti costantemente dalla struttura tecnica della Azienda ospedaliera Villa Sofia-Cervello.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X