stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sicilia, contagi in calo ma non a Palermo. Economia ko, il presidente di Confcommercio: sciopero della fame
LA PANDEMIA

Sicilia, contagi in calo ma non a Palermo. Economia ko, il presidente di Confcommercio: sciopero della fame

Anche se il numero dei nuovi positivi continua a scendere resta preoccupante la situazione sul fronte dell'emergenza Covid in Sicilia, una delle cinque regioni del Sud ancora in zona arancione. In particolare nella provincia di Palermo dove si registra oltre la metà dei contagi di tutta l'isola. Ieri il report quotidiano del Ministero della Salute segnalava 734 nuovi positivi su 14.474 tamponi processati, con una incidenza quasi del 5,1%, di poco superiore alla media nazionale.

Ma la Regione, nonostante la diminuzione dei casi, è seconda per numero di contagi giornalieri dietro la Campania. Le vittime sono state 20 e hanno portato il totale a 5.443. Il numero degli attuali positivi è di 24.955 con un aumento di 174 casi; i guariti sono infatti 540. Negli ospedali cresce il numero dei ricoveri di pazienti Covid: 1.338, 27 in più rispetto a ieri, anche se nelle terapie intensive sono 160, tre in meno. Ma il dato più significativo è ancora una volta quello della provincia di Palermo, con 445 nuovi casi.

Una situazione che rischia di far ripiombare il capoluogo nell'incubo di una nuova zona rossa proprio quando ristoratori, commercianti e imprenditori cominciavano a sperare nelle riaperture. Non a caso il presidente di Confcommercio Sicilia, Gianluca Manenti, ha annunciato lo sciopero della fame a partire da giovedì prossimo "per evidenziare lo stato di gravissima difficoltà che attanaglia tutte le imprese del comparto, soprattutto gli addetti alla ristorazione e i bar".

"Bisogna dare un segnale. E forte. E l'unico modo per farlo - spiega - è protestare in maniera dignitosa, civile ma rivendicando con forza quelli che sono i nostri diritti. Qui ci sono operatori economici che non sanno più come fare per andare avanti, per mantenere le proprie famiglie. E poi assistiamo ad assembramenti di massa come quelli di ieri a Milano, e anche in altre piazze italiane, che rappresentano uno schiaffo per tutti noi".

Intanto sul fronte dei vaccini le Asp di Palermo e di Siracusa hanno deciso di proseguire l'iniziativa dell'Open day che nei tre giorni del week end ha registrato oltre 65 mila dosi somministrate in tutta la Sicilia anche per chi non era prenotato ma rientrava nel target over 60 o tra i soggetti fragili. Oggi il presidente della Regione Musumeci terrà una conferenza stampa proprio per fare il punto sulla campagna vaccinale nell'isola.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X