stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Peschereccio di Terrasini affondato, la petroliera potrebbe aver tentato di occultare l'impatto
NUOVA ISIDE

Peschereccio di Terrasini affondato, la petroliera potrebbe aver tentato di occultare l'impatto

La petroliera Vulcanello, che avrebbe speronato e affondato il peschereccio Nuova Iside di Terrasini, provocando la morte dei pescatori Giuseppe, Matteo e Vito Lo Iacono, potrebbe essere stata verniciata dopo l’impatto, per coprire le tracce della collisione, tra il 22 maggio e il 27 maggio scorsi, una settimana circa dopo l’incidente.

Le due imbarcazioni percorrevano lo stesso tratto di mare al largo di San Vito Lo Capo, come emerge dai tracciati radar lo scorso 13 maggio, giorno in cui il peschereccio è affondato. Se sia stato modificato lo scafo, come ipotizza la procura di Palermo dopo i rilievi dei Ris di Messina che avrebbero rilevato la sovra pitturazione, lo accerterà un perito Giorgio Barbagelata, consulente tecnico del tribunale di Genova, nominato dal gip Piergiorgio Morosini.

L'esperto dovrà eseguire una perizia chimica. Il gip ha fissato per il prossimo 20 agosto l’incidente probatorio a cui dovranno partecipare i quattro indagati: Gioacchino Costagliola, 45 anni, comandante della Vulcanello, difeso dall’avvocato Antonio
Passanisi, Giuseppe Caratozzolo, 26 anni, terzo ufficiale, difeso dagli avvocati Antonio Passanisi e Mario Virgillito, Mihai Jorascu, 53 anni, timoniere, difeso dall’avvocato Antonio Passanisi, e Raffaele Brullo, 74 anni, amministratore e legale rappresentante della società Augusta Due srl difeso dagli avvocati Filippo Dinacci e Giovanni Di Benedetto.

Castagliola, Caratozzolo e Jorascu sono indagati perché in concorso tra loro avrebbero provocato la sommersione del peschereccio Nuova Iside. Il terzo ufficiale e il timoniere devono rispondere anche del fatto che si sarebbero disinteressati della gestione e della cura della navigazione notturna della petroliera Vulcanello. Il comandante dell’imbarcazione avrebbe omesso di svolgere attività
di supervisione e controllo della navigazione notturna della petroliera. I tre rispondono inoltre della morte dei pescatori (uno dei corpi non è mai stato ritrovato) e di non avere prestato soccorso in mare.

L’amministratore della società Augusta Due srl è indagato anche per avere mutato artificiosamente lo stato dei luoghi disponendo la sovra pitturazione. All’incidente probatorio parteciperà anche Aldo Ruffino avvocato in rappresentanza delle famiglie dei pescatori vittime della tragedia al largo di San Vito Lo Capo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X