LA COMMEMORAZIONE

Mafia, Palermo ricorda il giornalista Mauro De Mauro

È stato ricordato questa mattina, in viale delle Magnolie, il giornalista Mauro De Mauro, sequestrato e ucciso da un commando mafioso nel 1970 a Palermo.

Alla commemorazione organizzata dall’Unione nazionale cronisti italiani, gruppo di specializzazione della Fnsi, erano presenti, tra gli altri, i familiari di De Mauro. Sono intervenuti il vicepresidente nazionale dell’Unci, Leone Zingales, il presidente regionale dell’Ordine dei Giornalisti, Giulio Francese, ed il segretario provinciale dell’Assostampa, Giuseppe Rizzuto, oltre ai componenti del consiglio direttivo dell’Unci Sicilia Antonella Romano, Daniele Ditta e Andrea Tuttoilmondo.

Il sindaco Leoluca Orlando ha deposto una corona d’alloro sotto la lapide che ricorda l’assassinio del cronista. Leone Zingales ha annunciato, per il prossimo anno, il 50esimo dalla scomparsa, un evento a Palermo a ricordo di De Mauro con il coinvolgimento di tutte le sigle del giornalismo italiano "per celebrare - ha detto - un vero cronista". De Mauro, cronista de L’Ora, era nato a Foggia nel 1921. Più di una, all’epoca, le piste investigative seguite da polizia e carabinieri per risalire al contesto in cui maturò il sequestro. De Mauro, la sera in cui fu rapito aveva appena posteggiato la sua auto, una Bmw, in prossimità del portone d’ingresso del palazzo in cui abitava, in viale delle Magnolie. I mafiosi lo sequestrarono con l’inganno. La sua auto fu ritrovata poche ore dopo la scomparsa in via Pietro D’Asaro, sempre a Palermo.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X