IL CANTIERE

Anello ferroviario a Palermo, ultimatum di Rfi alla Tecnis: "Riprenda i lavori o sarà rescissione"

Rfi dà l'ultimatum alla Tecnis per accelerare la prosecuzione e il completamento del cantiere dell'anello ferroviario di Palermo. Rete Ferrovie italiane ha scritto alla ditta esecutrice, al momento commissariata, per chiedere immediate «determinazioni in merito alla prosecuzione o meno del rapporto contrattuale». E dà 30 giorni di tempo, entro i quali,  «in assenza di riscontro il contratto si intenderà sciolto». La notizia è riportata in un articolo di Giancarlo Macaluso sul Giornale di Sicilia.

Dopo la richiesta del sindaco Leoluca Orlando, che ha chiesto di essere nominato commissario straordinario dell'opera per sbloccare i lavori, anche Rfi ora chiede risposte.

Si stringe il cerchio sul cantiere dell'anello ferroviario, in ritardo di oltre due anni rispetto al programma dei lavori, e che da troppo tempo tiene sotto scacco alcune zone della città.

Altri dettagli sul Giornale di Sicilia in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X