stampa
Dimensione testo
INDAGINI IN CORSO

Sequestri e malori, nuovo allarme tonno rosso a Palermo: dieci intossicati al "Civico"

di

L'ultima operazione è stata due giorni fa, quando la capitaneria di porto ha sequestrato qualcosa come 480 chili di tonno rosso. Come se non bastasse, i vari pronto soccorso di Palermo hanno già ospitato diversi casi dell'ormai celebre "sindrome sgombroide", che altro non è che una intossicazione risultante dall'ingestione di pesce alterato. Molto spesso, appunto, del tonno avariato.

Particolarmente affollato il Civico, con dieci casi nelle ultime settimane, tutti arrivati con i sintomi dell'avvelenamento da istamina, che si presenta come un'allergia, che se particolarmente grave e se colpisce soggetti già debilitati può portare a delle conseguenze gravissime. Fortunatamente non è stato questo il caso, visto che tutti sono stati dimessi. Come purtroppo spesso accade, anche se non è una regola, i pazienti hanno riferito al personale sanitario di aver acquistato e mangiato tonno rosso da alcuni ambulanti dei vari mercatini rionali della città o di averlo acquistato in strada.

Qualche giorno fa, come detto gli uomini della capitaneria di porto e i carabinieri hanno sequestrato 480 chili di tonno rosso nel corso di controlli ai venditori ambulanti nelle zone di piazza Costellazione e via Lancia Di Brolo a Palermo.

Il pesce privo di documentazione di tracciabilità era esposto alla vendita. I medici dell’Asp hanno dichiarato il tonno non idoneo al consumo e lo hanno avviato alla distruzione. Complessivamente sono state elevate multa per 16 mila euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X