stampa
Dimensione testo
L'ATTIVISTA DI LIBERA

L'auto di Chiara Natoli a fuoco a Palermo: si sgonfia la pista mafiosa, forse rifiuti bruciati

C'è un colpo di scena nelle indagini sull'incendio che ha bruciato l'auto dell'attivista di Libera Chiara Natoli: la pista mafiosa, ipotizzata in un primo momento visto l'impegno della donna, potrebbe essere accantonata.
Le immagini delle videocamere e i primi accertamenti degli investigatori farebbero pensare a un tentativo di dar fuoco a rifiuti abbandonati nella zona, il quartiere popolare del Borgo Vecchio, da parte di un uomo: le fiamme, appiccate a un cumulo di immondizia, si sarebbero propagate fino a raggiungere la macchina della giovane. L'obiettivo dell'incendiario quindi non sarebbe stato il veicolo.
Le videocamere infatti, al contrario di quanto si è detto, immortalerebbero non due uomini, poi in fuga, ma una persona in ciabatte, che peraltro non sarebbe nuova a gesti simili, che passa con un accendino e dà fuoco ai rifiuti.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X