stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Armati di pistola giocattolo rapinano un negozio a Palermo, arrestati due fratelli di 14 e 18 anni
VIA ROMA

Armati di pistola giocattolo rapinano un negozio a Palermo, arrestati due fratelli di 14 e 18 anni

di
negozio, rapina, via roma, Palermo, Cronaca
volante polizia via Roma Palermo

Armati di pistola giocattolo e con i volti coperti hanno fatto irruzione in un negozio di abbigliamento di via Roma, a Palermo, e minacciando gli impiegati si sono fatti consegnare l'incasso per poi fuggire via. Sono stati identificati e arrestati due fratelli, giovanissimi, di 14 e 18 anni della Zisa, accusati di essere gli autori della rapina avvenuta sabato pomeriggio.

Gli impiegati del negozio hanno denunciato alla polizia i fatti, raccontando che due giovani avevano fatto irruzione all’interno del locale e, armati di pistola, si erano fatti consegnare l’incasso.

I poliziotti hanno raccolto le testimonianze dei presenti, la descrizione dettagliata dei due ladri e hanno visionato le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza del negozio per ricostruire la dinamica della rapina e tentare di riconoscere i due.

Da quanto è stato ricostruito dagli agenti, i due sono fuggiti in via principe di Belmonte, in direzione di piazza Ignazio Florio e poi verso la Cala. Nei pressi di via Kalsa gli agenti si sono imbattuti in due ragazzi molto somiglianti a quelli descritti dai testimoni della rapina, nonché immortalati dalle telecamere di sorveglianza del negozio. Così hanno quindi deciso di fermarli per sottoporli ad un controllo.

I due hanno fornito  spiegazioni poco credibili e contraddittorie sul perché si trovassero in quella zona, peraltro lontana dal loro quartiere di residenza, la Zisa. È scattata così una perquisizione. Addosso a entrambi i poliziotti hanno trovato una consistente somma di denaro, corrispondente a quella rubata nel negozio equamente divisa, in parti uguali, nelle loro rispettive tasche.

Messi alle strette dagli agenti, a quel punto i due giovani  hanno confessato la rapina ammettendo di essersi disfatti degli indumenti utilizzati e soprattutto della pistola, poi risultata un modello giocattolo a piombini priva di tappo rosso, gettandoli in un cestino dei rifiuti nei pressi di piazza Ignazio Florio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X