stampa
Dimensione testo
IL CASO

Grossi cetacei al largo di Terrasini, l'esperto: amano il nostro mare

di
Il globicefalo è tipico avvistarlo nel Mediterraneo perché ha trovato il suo habitat ideale ricco delle sue prede favorite come calamari e seppie

TERRAZZINI. Grossi cetacei in transito davanti alle coste di Terrasini. Gli esemplari avvistati nelle scorse ore sembrerebbero appartenere alla famiglia dei globicefali. La conferma è stata data dalla Società di Ricerca Necton. Smentita invece la presenza di orche marine, così come segnalato in diverse occasioni ultimamente.

“Secondo alcuni studi – spiega Antonio Celona, presidente della Società Necton – si tratta di esemplari stanziali, che risiedono proprio da quelle parti. È chiaro che chi li vede lì, magari anche per il loro colore o per la prima volta, possa scambiarli per delle orche, ma sono specie presenti nelle acque di Terrasini da anni”.

Stando a quanto dichiarato dalla Necton: “E’ raro che le orche si trovino nel Mediterraneo. Sono state fatte alcune osservazioni negli ultimi   20-30 anni, ma sono state molto rare”. La specie non è, infatti, tipica dei nostri mari, poiché le acque non presentano le sue risorse trofiche preferite, come foche, pinguini e tonni. Prede che, di certo, il Mediterraneo non offre.

“Ecco che – prosegue Celona - le uniche orche, che si trovano con una certa continuità in prossimità del Mediterraneo, si avvistano al largo di Cadice, in Spagna”. Il globicefalo, invece, è tipico avvistarlo nel mare Mediterraneo perché ha trovato il suo habitat ideale ricco delle sue prede favorite, come alcuni cefalopodi, calamari e seppie, sebbene il cetaceo preferisca, probabilmente, i totani.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X