stampa
Dimensione testo
GIP

Revocati i domiciliari a Tutino, torna in ospedale

A chiedere la scarcerazione del medico per affievolimento delle esigenze cautelari e la sostituzione della misura è stata la stessa Procura che ha sostanzialmente chiuso l'indagine e sta per depositare gli atti

PALERMO. Il gip di Palermo Ettorina Contino ha revocato gli arresti domiciliari disposti, a giugno, nei confronti del primario del reparto di Chirurgia maxillofacciale Matteo Tutino, medico del presidente della Regione Rosario Crocetta, accusato di truffa, peculato e falso.

A Tutino è stato applicato l'obbligo di dimora. A chiedere la scarcerazione del medico per affievolimento delle esigenze cautelari e la sostituzione della misura è stata la stessa Procura che ha sostanzialmente chiuso l'indagine e sta per depositare gli atti. L'inchiesta è condotta dall'aggiunto di Palermo Leonardo Agueci e dal pm Luca Battinieri.

Dopo l'astensione del procuratore Francesco Lo Voi, motivata dalla conoscenza di uno degli indagati nel procedimento, a coordinare l'inchiesta è la Procura di Caltanissetta. Tutino è accusato di avere eseguito interventi estetici, fingendo si trattasse di operazioni funzionali, nella struttura ospedaliera pubblica.

Per i carabinieri del Nas, il medico si faceva pagare anche compensi "non dovuti" dai pazienti, come corrispettivo per prestazioni post operatorie (medicazioni), oltre a richiederne il rimborso al Servizio Sanitario Regionale sulla base di documentazioni sanitarie e cartelle cliniche falsificate.

Fu nell'ambito dell'indagine su Tutino che venne pubblicata dal settimanale L'Espresso la notizia, poi rivelatasi falsa, dell'esistenza di una intercettazione tra il medico e il governatore siciliano Rosario Crocetta durante la quale l'indagato avrebbe augurato all'ex assessore alla Sanità Lucia Borsellino di fare la fine del padre (il magistrato ucciso dalla mafia).

La notizia dell'esistenza conversazione venne smentita dal procuratore di Palermo che ha più volte precisato che agli atti della Procura non c'è alcuna intercettazione del contenuto riportato dal giornale. I giornalisti che pubblicarono il pezzo, Maurizio Zoppi e Piero Messina, sono indagati per calunnia e diffusione di notizia falsa. Per entrambi la Procura ha chiesto il giudizio immediato. Sull'istanza il gip non ha ancora deciso.

Il medico torna a Villa Sofia. Matteo Tutino tornerà a Villa Sofia dopo la sospensione decisa dall'azienda a seguito del suo arresto. Prima di essere arrestato, Tutino era primario nel reparto di chirurgia plastica e maxillo facciale di Villa Sofia.

M5S: "Tutino sia subito sospeso". «Tutino sia subito sospeso, il direttore generale di Villa Sofia non gli permetta nemmeno di
accedere in ospedale». Il M5S all'Ars chiede un intervento immediato dopo che al medico del governatore Rosario Crocetta sono stati revocati gli arresti domiciliari. «C'è un provvedimento di sospensione della commissione di disciplina che non era stato notificato al medico solo perchè questi era agli arresti domiciliari. Farlo ora, pertanto, è un atto dovuto», dice il capogruppo all'Ars Giorgio Ciaccio.    «Oltre che un atto dovuto - aggiunge la deputata alla Camera Giulia Di Vita - è un atto eticamente ineccepibile, le intercettazioni che sono state rese note in estate hanno svelato un mondo che ruota attorno al medico che rende Tutino incompatibile con incarichi direttivi, se non addirittura col camice bianco».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X