COMUNE

Palermo, il regolamento dei mercati generali torna in conferenza dei capigruppo

Il regolamento dei mercati generali, approdato a Sala delle Lapidi nei giorni scorsi per la discussione, è tornato in conferenza dei capigruppo "per approfondimenti", come dice lo stesso presidente del Consiglio comunale Totò Orlando il quale assicura che "comunque resta all’ordine del giorno e torneremo presto ad occuparcene". La commissione attività produttive aveva 'liberato' il testo che a molti consiglieri non è andato giù, poi approdato in aula e infine tornato in conferenza dei capigruppo. "La gestione dei mercati generali della città deve rimanere in mano all’amministrazione comunale. Il servizio pubblico è garanzia di legalità, trasparenza e di efficienza economica. Non è plausibile che attraverso l’approvazione del regolamento si possano introdurre scelte di privatizzazione, incompatibili col programma del sindaco", commenta il capogruppo di Sinistra Comune Giusto Catania.

"È un regolamento quello arrivato in Aula dalla commissione che di fatto esternalizza tutto. La conferenza dei capigruppo e alcuni consiglieri della commissione stanno lavorando al testo perché sia più snello e per apportare alcune modifiche - spiega il vice presidente del consiglio Giulio Tantillo di Forza Italia -. A partire dal fatto che non possiamo affidare ad esterni tutti i servizi dei mercati, come il facchinaggio, i parcheggi fino ad arrivare al direttore. La mia posizione, così come quella di diversi altri consiglieri - sottolinea Tantillo - è che i mercati devono rimanere al comune. Infatti, posso anticipare che il nuovo testo prevede che il direttore coincide con il dirigente del Suap, che si avvarrà per ogni mercato di un vice direttore. Faremo velocemente e assicuro che nel giro di 15 giorni ritornerà in aula per la discussione e la votazione".

È ferma in consiglio comunale una delibera che prevede in un’area molto grande su viale Regione Siciliana, all’altezza di Bonagia, la realizzazione del nuovo mercato ortofrutticolo, ittico e florovivaistico, ma i consiglieri devono votare la variante urbanistica in modo da sbloccare l'iter. In attesa che torni in aula il testo aggiornato, Sala delle Lapidi ha deciso di occuparsi del regolamento di contabilità.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X