LAVORO

Asp Palermo, da Roma arriva l'ok per la stabilizzazione dei 648 precari

di

Buone notizie per i 648 precari dell'Asp di Palermo. Dopo la proroga dei contratti per un anno, da Roma arriva il parere positivo del dipartimento nazionale della Funzione pubblica per la stabilizzazione  dei contrattisti che lavorano in tutta la provincia.

Grazie a questo parere, i 587 precari "storici", in servizio da anni nell’amministrazione regionale, potranno essere stabilizzati entro l'anno.

A fine anno il neo-manager dell'azienda sanitaria ha firmato la delibera per prorogare di un altro i contratti dei 648 precari. Dopo le numerose manifestazioni e sit-in dei contrattisti, ora qualcosa sembra finalmente muoversi in direzione della loro stabilizzazione.

“Per noi è una grande notizia – dice Enzo Munafò, segretario generale della Fials Palermo – da anni sosteniamo con forza i vari passaggi contenuti nella circolare. Questo parere riapre tutta la partita della stabilizzazione perché spiega in alcuni punti come si possono applicare, anche a questa platea di precari, i commi 1 e 2 dell'articolo del decreto Madia, senza tenere conto della riserva del 50 per cento dei posti per gli esterni. Sono tutte questioni che comunque  la Fials sostiene da tempo. Certo non fa piacere pensare che questo parere sia arrivato datato novembre all’assessorato alla Funzione pubblica e sia rimasto nel cassetto quando avrebbe sicuramente agevolato l’iter di stabilizzazione di altri bacini storici oltre quello degli Enti locali, ossia i contrattisti dell’Asp di Palermo che vivono questa precarietà ormai da quasi trent’anni. Finalmente riteniamo ci siano tutte le condizioni, grazie alla disponibilità al dialogo dell’assessorato e della neo nominata direttore generale, per procedere con la stabilizzazione”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X