Palermo, il saluto di Zamparini: "Lascio con molta stanchezza"

Una conferenza durata una quarantina di minuti non ha chiarito i dubbi sulla nuova proprietà del Palermo. Anzi, li ha amplificati: risposte evasive, una dichiarazione senza accettare domande da parte dell'ormai ex patron Zamparini, poca chiarezza sui programmi.

Al tavolo della conferenza stampa si sono accomodati il responsabile dell'area tecnica Foschi, l'ex nazionale inglese David Platt, Zamparini, l'ad della Global Futures Sports and Entertainment Clive Richardson, il suo collaboratore James Share e l'advisor Maurizio Belli.

"Lascio il Palermo con molta stanchezza. Hanno dipinto uno Zamparini che non è quello che sono" ha detto Maurizio Zamparini, in occasione della conferenza stampa di presentazione della nuova proprietà. "Sono una persona onesta e posso commettere degli errori in buonafede e da questi si impara. Non ho mai fatto riciclaggio, autoriciclaggio e cose di questo tipo. Le persone che mi conoscono davvero hanno fiducia in me".

"La struttura finanziaria del club verrà definita fra qualche tempo - dice Belli - i tempi riguardano lo stato dell'azienda che stiamo analizzando. L'accollo dei debiti è solo un aspetto". "Capisco le vostre domande - dice David Platt, consulente del gruppo di nuovi proprietari - sono tutte cose che riguardano il business. C'è tanta burocrazia, regolamenti che nemmeno io capisco. Quello che conta è che la squadra continui a fare bene a cominciare da sabato".

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X