L'INCHIESTA

Cimitero degli orrori di San Martino delle Scale, due indagati tornano liberi

di

Tornano liberi Giovanni e Salvatore Messina, arrestati alla fine dello scorso maggio nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte irregolarità all’interno del cimitero di San Martino delle Scale.

Il gip ha infatti accolto la richiesta dell’avvocato Salvino Caputo, che difende entrambi gli indagati, ed ha disposto per loro soltanto il divieto di dimora nel Comune di Monreale. I due, dopo aver trascorso un periodo in carcere, erano poi passati agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico, in seguito al ricorso avanzato al tribunale del Riesame.

Secondo la ricostruzione della Procura, nel camposanto di proprietà dei Benedettini, i Messina avrebbero fatto il bello ed il cattivo tempo, arrivando a spostare e distruggere numerose salme pur di far spazio – in cambio di denaro – a quelle in entrata.

L’inchiesta dei carabinieri era stata denominata non a caso “Cimitero degli orrori”, perché i resti umani, più di una volta, sarebbero stati gettati come rifiuti, mescolati e sigillati in particolari intercapedini. Le indagini sono ancora in corso e si attendono alcuni accertamenti da parte del Ris per chiuderle.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X