Strage di Casteldaccia, le testimonianze: l'acqua ha invaso la casa, ecco come siamo riusciti a scappare

"Ho sentito i cani abbaiare. Erano circa le 22:30. Ho detto a mio marito di andare a vedere cosa accadeva. Ha aperto la porta e l'acqua ha invaso la casa. Abbiamo preso subito mia figlia di 39 anni che è invalida, siamo saliti in auto e siamo scappati".

Lo dice Maria Concetta Alfano, che ha una villetta a poca distanza da quella dove sono morte nove persone a causa del maltempo a Casteldaccia (Palermo). Andrea Cardinale, il marito, è ancora in pigiama.

Dopo essere tornato a Palermo ha ricevuto la telefonata di un amico che gli ha detto della tragedia.

Ha acceso la tv e ha sentito le prime notizie. Poi si è rimesso in auto ed è tornato a Casteldaccia.

"L'acqua arrivava fino al cofano dell'auto - dice -. Sono riuscito a imboccare la statale per un pelo. Anche quella strada era invasa dall'acqua. Non conoscevo le vittime. Sono tornato per vedere cosa e' accaduto ai miei cani. Veniamo qui a villeggiare da quattro anni e non era mai accaduto nulla. Non sapevo neanche che qui vicino ci fosse un fiume".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X