Legalità, carabinieri incontrano bambini e giovani del quartiere Zen di Palermo

"Credo che stare allo Zen 2 di Palermo sia la giustificazione della nostra esistenza. Io non credo che l'Arma dei carabinieri possa esistere senza questa vocazione territoriale che si può esprimere soltanto in territori difficili. Siamo nati per l'affermazione della legalità della giustizia del sostegno a chi ha bisogno alle vittime più deboli la periferia ci richiama un'attenzione maggiore che va rivolta non soltanto al contrasto e alla prevenzione dei reati ma soprattutto alla vicinanza ai cittadini e perché no soprattutto ai più piccoli che costituiscono il nostro futuro".

Lo ha detto il comandante provinciale dei carabinieri Antonio Di Stasio nella stazione carabinieri San Filippo Neri dove si tenuto un incontro con l'associazione "Albero della vita - Bayty Baytik, casa mia è casa tua - onlus" che si occupa di assicurare benessere, proteggere e promuovere i diritti e favorire lo sviluppo dei bambini, delle loro famiglie e delle comunità di appartenenza.

I carabinieri hanno organizzato una manifestazione nel campetto di calcio in via Senocrate D'Agrigento, con i cani antidroga Nastia e Horc e gli artificieri.

"L'obiettivo far sentire la divisa come un fatto positivo - ha aggiunto Di Stasio - Non siamo da etichettare come sbirri in questo quartiere difficile, ma semplicemente come coloro che vogliono offrire il proprio sostegno e la propria vicinanza. Credo che l'Arma dei carabinieri rappresenti proprio la vicinanza al cittadino. Questo è un progetto che va avanti da diversi anni e c'è sempre maggiore partecipazione anche da parte dei genitori di questo quartiere che ci affidano con fiducia i loro figli". (ANSA).
Y93-APE/ S45 QBKS

In questo video, le interviste a Fabiola Giacosa presidente dell'associazione e al colonnello Antonio Di Stasio.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X