IL PROCESSO

Duplice omicidio di via Falsomiele a Palermo: chiesto ergastolo per l'imputata

omicidio via falsomiele, Adele Velardo, Palermo, Cronaca
Adele Velardo mentre esce dalla questura

Il pm di Palermo, Claudio Camilleri, ha chiesto la condanna all'ergastolo per Adele Velardo, accusata, insieme al marito Carlo Gregoli, nel frattempo morto suicida in carcere, dell'omicidio di Vincenzo Bontà e Giuseppe Vela, uccisi a colpi di pistola il 3 marzo del 2016 a Palermo.
Nonostante i contrasti tra le relazioni tecniche di pm e legali sul dna trovato sui bossoli - certamente di Gregoli per l'accusa non sufficiente per una attribuzione certa per la difesa - e sull'arma, la corte d'assise alla scorsa udienza aveva respinto la richiesta di confronto tra i periti.
Il delitto, il cui movente non è mai stato accertato, avvenne in pieno giorno in strada davanti a un testimone oculare che ha anche deposto al processo. L'auto dei coniugi fu inoltre ripresa da alcune telecamere.
Alle 9.38 del 3 marzo la coppia uscì in macchina e si allontanò a bordo di una Toyota Land Cruiser verso via Falsomiele. Le telecamere ripresero poco dopo la Fiat 500 L con a bordo Bontà e Vela arrivare nel senso opposto. Poi entrambe le auto uscirono dall'inquadratura. Dopo meno di due minuti la macchina della Velardi riapparve per rientrare a casa. In quei due minuti, secondo l'accusa che si basa sui racconti del testimone oculare, Gregoli sparò. Tracce di polvere da sparo vennero trovate anche addosso alla moglie che però non avrebbe fatto fuoco e risponde a titolo di concorso morale nel delitto. La donna si è sempre detta innocente.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X