FALCONE-BORSELLINO

Passante ferroviario a Palermo, slitta ad ottobre il ritorno del treno per l'aeroporto

Si è concluso nel pomeriggio il tavolo tecnico in Prefettura, a Palermo, per l’approvazione dei piani di emergenza e soccorso che riguardano le gallerie Notarbartolo, Francia San Lorenzo e Tommaso Natale del passante ferroviario, necessari per l’apertura della tratta ferroviaria tra Palermo e l’aeroporto Falcone Borsellino di Punta Raisi.

Entro una decina di giorni «Jazz» dovrebbe cominciare il servizio di trasporto per i passeggeri da Palermo all’aeroporto, ma i tempi ovviamente non sono certi.  L’inaugurazione era prevista in un primo tempo per lo scorso 9 settembre, ma è stata rimandata proprio a causa della mancanza dei piani propedeutici all’autorizzazione da parte dell’Agenzia nazionale nazionale per la sicurezza delle ferrovie.

Il prefetto Antonella De Miro ha messo attorno a un tavolo oltre 20 rappresentanti degli enti coinvolti, tra cui i vertici e i tecnici di Rfi, le forze dell’ordine, 118, Protezione civile, Comune di Palermo per la concertazione e la definizione dei piani che sono stati varati.

Il prefetto di Palermo emetterà nelle prossime ore il decreto di approvazione dei piani, poi il secondo passaggio sarà la valutazione dell’ente certificatore indipendente e, infine, dopo l’autorizzazione dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, potrà avvenire la messa in servizio. E’ stata già programmata per venerdì una ulteriore esercitazione di emergenza per verificare sul campo quanto elaborato e previsto nei piani.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X