CITTA' DA VIVERE

Ecco cosa fare oggi a Palermo

di

Da sentire

Altri due concerti per il programma di Palermo Classica, il festival di musica classica che occupa le serate del capoluogo siciliano con un denso cartellone di concerti tra la GAM, dove gli interpreti internazionali si misurano con l’orchestra, e lo STERI, con la sezione di musica da camera. Oggi alle 21 alla Galleria d’arte moderna, ritorna una pianista molto amata dal pubblico di Palermo Classica: la bionda Sofia Vasheruk ha deciso di affiancare la “collega” violinista sudcoreana, Ye-Eun Choi per affrontare con la Palermo Classica Symphony Orchestra, diretta dal giovane pescarese Daniele Ruffino, un programma scorrevole, elegante ma impegnativo, che accoglie i “Sospiri op.70” di Elgar, e uno spensierato Mendelssohn, per chiudere con la “Serenata per archi, op. 48” Tchaikovsky diretta da Ruffino

Oggi e domani al Nautoscopio si respirerà un'aria decisamente Retrò e si ascolterà un flow d’altri tempi, arriva infatti nella location punto di riferimento dell’estate palermitana il RETRO' FEST 2018".  Oggi dalle 19 Special Guest From Paris: Don Cavalli & Banjaras Band (Paris) – First Time in South Italy. All’ anagrafe Fabrice Cavalli, musicista e songwriter parigino di origini italiane noto per la sua capacità di spaziare dal Rock’N’Roll al Folk passando per le tradizioni Cajun e Zydeco, tanto da essere considerato un esponente internazionale della “world music”.
“Me and My Baby “è il titolo del brano estratto dall’album Temperamental che fa da colonna sonora allo spot IKEA 2018 e parte della soundtrack della crime commedy "The Family" diretta da Luc Besson e interpretata da Robert De Niro e Michelle Pfeiffer. A seguire, Chino y Los Morteros  Trio capitanato da Chino Mortero propone un repertorio eterogeneo che pesca dalla tradizione americana fino alle hit degli ultimi giorni, rimescolando tutto con sonorità Tex-Mex, Latin e Blues . In seguito Dj Ciccio Chronic – Vinyl Dj Set '50-'60.

Un nuovo locale in città e una serata a tutto rock, per omaggiare l’imperatore del genere in Italia. L’unico capace di fare opinione e poesia allo stesso tempo. Sarà una totale omaggio al rocker dei rocker il concerto dei Colpa d’Alfredo di oggi dalle 22 al Blue Circus in via Sandro Pertini, spazio all’aperto in città di recente costituzione, dove è possibile fare concerti, con ampio parcheggio interno gratuito.  La formazione, riproporrà fedelmente i classici della grande rockstar, ripercorrendo le tappe più significative della storia musicale del Komandante Blasco. La band è capitanata da Ivano Ivaskrello.

Da vedere

Una grande installazione a forma di spirale, in memoria di tutte le vittime di mafia. È l'ultimo lavoro dell'artista veneziano Gianfranco Meggiato, inserit0 nel programma di I-design tra i collaterali di Manifesta 12 e in Palermo Capitale Italiana della Cultura e a cura di Daniela Brignone che si potrà ammirare fino al 9 settembre a Piazza Bologni.

Si chiama Dialoghi Futuristi la mostra con oltre settanta opere del pittore futurista Pippo Rizzo che arriva fino al 16 settembre a villa Zito, in via Libertà. L'allestimento curato dalla pronipote del pittore futurista Giulia Gueci e dal professore Sergio Troisi si focalizza sulla straordinaria esperienza del Movimento futurista in Sicilia, mettendo in evidenza la rete di relazioni.

A 60 anni dalla sua nascita, Palermo rende omaggio a Keith Haring (1958-1990), uno degli artisti contemporanei più significativi del XX secolo, la cui popolarità è paragonabile a quella di Andy Warhol. Dal 29 giugno al 16 settembre 2018 saranno esposte nella splendida cornice di Villa Zito diverse opere dell’artista statunitense, provenienti da prestigiose collezioni pubbliche e private.

Nel Chiostro di San Domenico, in piazza San Domenico si può visitare la mostra di Max Serradifalco dal titolo "Earth Flags. Trascending Boundaries" che può essere visitata fino al 9 settembre.

Era il 1928 e tutto comincia da una Leica: Alexander Rodchenko ha 37 anni ed è convinto che tutto dipenda dall’angolazione. È l’unico modo per bilanciare l’immagine piatta e consolidata di una società,o, il primo grande fotografo russo antecedente alla Guerra Fredda. Grazie al lavoro della direttrice del Museo di Arti visive di Mosca, Olga Sviblova e al contributo della direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura di Mosca, Olga Strada, giunge a Palermo una selezione di 150 fotografie di Rodchenko, dai negativi originali degli anni Venti e Trenta. “Alexander Rodchenko. Revolution in Photography” arriva all’Albergo dei Poveri, a Palermo - che la ospiterà fino al 23 settembre – promossadall’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, coprodotta da Civita Arte e da Bridge Consulting, curata della State-Financed Institution of Culture and Education of the City of Moscow e di Multimedia Complex of ActualArts. Nel

Sovrapposizioni e stratificazioni; migrazione e integrazione. Sono alcuni dei temi attorno cui ruota il lavoro, fortemente politico, della fotografa tedesca Katharina Sieverding che ha selezionato quattordici opere che, con i loro mezzi formali e contenutistici, fanno riferimento al tema di Manifesta 12, la Biennale nomade che si aprirà il 16 giugno a Palermo. Inserita tra i Collateral di Manifesta 12, - e nel cartellone di Palermo Capitale Italiana della Cultura - Sieverding PALERMO è ospitata dal 14 giugno al 4 novembre negli spazi dell’Haus der Kunst ai Cantieri Culturali alla Zisa.

E' uno dei grandi della fotografia del XX secolo. I suoi scatti hanno narrato la disperazione e la tragedia delle guerre che hanno costellato il Novecento e le speranze di fronte alla fine dei conflitti. La mostra "Robert Capa - Retrospective" che si è aperta all'Albergo dei Poveri a Palermo, ripercorre il lavoro di questo maestro della fotografia in un momento particolare: le celebrazioni dei 70 anni di Magnum Photos, di cui Capa fu fondatore insieme a Henri Cartier-Bresson, George Rodger, David “Chim” Seymour e William Vandivert. Centosette gli scatti in mostra, tutti in bianco e nero, realizzati dal 1936 al 1954, l'anno in cui Capa morì, ucciso da una mina anti-uomo in Indocina. Tra le sezioni anche una dedicata alla Sicilia dove il fotoreporter raccontò la liberazione dell'isola da parte degli americani alla fine del secondo conflitto mondiale.

“Arrivano i dinosauri”, l' esposizione di due dei più importanti modelli di dinosauri al mondo all'Orto Botanico di via Lincoln . L’acquisizione dei dinosauri, rappresentativi delle specie “Carnotaurus sastrei” e “Thecodontosaurus antiquus”, scaturisce dalla collaborazione scientifica tra il Museo Gemmellaro del SiMuA e l’Oertijdmuseum di Boxter in Olanda, produttore delle repliche. L’installazione aprirà al pubblico a partire dalle 9 e la visita è compresa nel biglietto di ingresso all’Orto Botanico dove saranno esposti fino al mese di agosto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X