Scomparsi nel nulla, docufilm racconta i "desaparecidos" siciliani in Argentina

Quarant'anni senza verità dopo le repressioni, le torture, i rapimenti che dal 1976 al 1983 inghiottirono migliaia di uomini e donne scomparsi nel nulla.

Sono i desaparecidos dell’Argentina, vittime della dittatura militare di Jorge Rafael Videla.

Una pagina drammatica - in larga parte oscura - della storia recente che rivive nel docufilm dal titolo «Desaparecidos: il viaggio di José».

Un progetto ancora in itinere - per il quale è stata avviata una raccolta fondi sul sito www.produzionidalbasso.com - ideato dal regista palermitano Gaetano Di Lorenzo e dal fotoreporter José Luis Ledesma, in collaborazione con l’associazione culturale Allunaggio.

Che è stato presentato alla libreria "Tantestorie" di Giuseppe Castronovo (via Ludovico Ariosto, 27).

Lungo il filo della memoria, il docufilm racconta il viaggio di Ledesma per i paesi siciliani - l’isola nell’immediato dopoguerra ha fatto i conti con una forte ondata migratoria verso il Sudamerica - alla ricerca dei parenti delle vittime, dei testimoni e di quanti, tra giornalisti e uomini di Chiesa, si sono impegnati in quegli anni bui.

«Credo sia fondamentale che anche le nuove generazioni sappiano cos'è successo in Argentina tra il '76 e l'83», afferma Ledesma.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X