IL CASO

"Violati i diritti", giudice di pace di Palermo annulla una multa a un guidatore ubriaco

Il giudice di pace di Palermo, Antonio Cutaia, ha annullato una multa di 532 euro comminata dai carabinieri a un automobilista ubriaco che si era visto decurtare 10 punti dalla patente.

I militari non hanno però informato l’automobilista che era un suo diritto farsi assistere da un difensore durante il controllo con l’etilometro.

«La Cassazione - si legge nella sentenza - ha più volte ribadito che l’avvertimento di farsi assistere da un difensore deve essere rivolto al conducente del veicolo al momento in cui viene avviata la procedura di accertamento strumentale dell’alcolemia, anche nel caso in cui l’interessato si rifiuti di sottoporsi all’accertamento. Dagli atti non emerge che un simile avvertimento sia stato dato in quel frangente. Pertanto il verbale deve essere annullato»

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X