MAFIA

"Aiutava i clan a evitare il sequestro di beni": avvocato tra i 28 arrestati a Palermo

Avrebbe suggerito al cliente, il mafioso Raffaele Favaloro, la strada da seguire per evitare il sequestro dei beni. Per concorso in intestazione fittizia dei beni è stato messo ai domiciliari l'avvocato penalista palermitano Nico Riccobene, indagato da mesi e arrestato oggi insieme ad altre 27 persone (24 sono in carcere, 4 ai domiciliari) nel corso di un blitz della Guardia di Finanza.

A Favaloro, accusato di far parte della famiglia mafiosa di Resuttana, il legale aveva consigliato di separarsi dalla moglie in modo da poterle intestarle beni e attività e scongiurarne così il sequestro.

L'indagine è stata coordinata dal procuratore Francesco Lo Voi, dall'aggiunto Salvatore De Luca e dai pm Roberto Tartaglia, Amelia Luise, Annamaria Picozzi e Siro De Flammineis.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X