NEL PALERMITANO

Tentato omicidio a Misilmeri: litiga con l'ex moglie e le spara a una gamba con un fucile da caccia, arrestato

di

Al culmine di una lite spara con un fucile da caccia all’ex moglie e la ferisce alla gamba sinistra. E’ accaduto ieri mattina in contrada Catena nel comune di Misilmeri.

I militari sono stati allertati da una chiamata che segnalava una esplosione di  un colpo di arma da fuoco. I carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Misilmeri, giunti immediatamente sul posto, hanno ascoltato i numerosi testimoni, ricostruendo la dinamica dei fatti.

Secondo quanto ricostruito dai militari a sparare è stato O.P, di 72 nato a Marineo, pensionato. La vittima è una donna di 62 anni anche di Marineo. Il settantaduenne le ha sparato con un fucile da caccia sovrapposto calibro 20 regolarmente detenuto, ferendola ad una gamba. La donna era seduta in cucina in attesa dell’arrivo del 118, assistita da alcuni vicini e parenti. I carabinieri l’hanno soccorsa, bloccando con una cinta la parte superiore della coscia per ridurre l’emorragia.

L’uomo invece è stato trovato in una stanza vicina. Il settantaduenne ha confessato ai carabinieri di aver volutamente sparato alla ex moglie in preda ad un raptus.

La vittima è stata  trasportata dall’ambulanza del 118 presso il pronto soccorso del Policlinico di Palermo, dove è tutt’ora ricoverata presso il reparto di chirurgia plastica. I medici che l’hanno soccorsa hanno riferito che la donna ha riportato  un’ampia ferita superficiale mediale al polpaccio sinistro guaribile con una prognosi di 30 giorni.
Sul luogo dell’accaduto è intervenuto personale della sezione investigazioni scientifiche del comando provinciale carabinieri di Palermo e dell’aliquota operativa della compagnia di Misilmeri che hanno effettuato i rilievi tecnici. Nel corso della successiva perquisizione sono state trovate e sequestrate 47 cartucce calibro 20, regolarmente detenute.

L’aggressore su disposizione dell’autorità giudiziaria è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio e portato nel carcere Cavallacci di Termini Imerese.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X