Formazione, a Palermo ex sportellisti protestano col lutto al braccio

Questa mattina la prima protesta silenziosa degli ex sportellisti con la fascia nera al braccio in segno di lutto davanti l’assessorato alla Formazione.

Gli operatori degli ex sportelli multifunzionali sono a lutto.

Ma la loro protesta continua per ottenere dal governo regionale la riassunzione nelle partecipate. Sabato scorso uno di loro, Giovanni, si è suicidato. Così su Facebook centinaia di ex sportellisti hanno cambiato la propria foto con maglietta nera a lutto.

Giovanni era un’attivista della protesta degli sportelli multifunzionali .

Maurizio Albanese scrive Fb nella pagina “Il gazzettino degli sportelli multifunzionali”: “Una scia di sangue troppo lunga, per essere ignorata. Politici e poteri forti siete stati condannati dal tribunale della vita, per genocidio, avete in questi cinque anni sterminato dei lavoratori innocenti e annullato i loro valori di vita di padri e madri di famiglia”.

E rivolge un appello ai politici sono stati loro vicini in questi anni:

“Noi non vogliamo cavalcare sull'onda delle emozioni e speculare il suicidio di stato del nostro collega , sebbene appare chiaro che è colpevole la politica tutta. Unite la nostra rabbia e la vostra volontà di andare a sbattere i pugni sul tavolo di un presidente inerme affinché si prendano decisioni per il nostro ritorno immediato al lavoro, adesso è il vostro momento di una azione concreta. Non c'è più tempo da perdere, se volete anche in una settimana potete prendere decisioni straordinarie univoche insieme a Roma, ne va della vostra dignità di uomini e di politici. Non aspettate il prossimo suicidio, perché la situazione è drammatica per tutti ed è incontrollabile”.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X