394ESIMA EDIZIONE

"Palermo Bambina", così Leo Gullotta racconterà il Festino

di

Il tema conduttore del 394° Festino è “Palermo Bambina” e da qui nasce l’idea di una rappresentazione della “Santuzza”, nel periodo in cui matura l’abbandono dell’agiatezza a lei riservata, per consacrarsi a  Dio.

Il tema della fanciullezza della Santuzza è stato richiamato più volte in conferenza stampa per ricordare il dovere morale di tutelare l’infanzia ma anche le persone che cercano rifugio nel nostro Paese.

E proprio il sindaco Leoluca Orlando ha precisato che: “Il messaggio che vogliamo dare è ‘io sono persona’ e i bambini lo sono, ma molto spesso vengono considerati oggetto. Il pensiero non può che andare a Pino Puglisi, protagonista di una svolta radicale di questa città e che credeva fermamente che a Brancaccio ci fosse una scuola e un centro parrocchiale per i bambini. Questo collegamento molto forte si unisce anche alla visita di Papa Francesco a settembre. I bambini sono un richiamo al vivere, al domani, alla possibilità e necessità di un progetto di futuro. Palermo sceglie il punto di vista dei più piccoli perché nei giochi non fanno differenze di colore, provenienza o religione, così come la città di Palermo che decide di accogliere chiunque”.

Sono state esposte nel tavolo della Curia arcivescovile di Palermo le magliette rosse, divenute il simbolo della tragedia che colpisce centinaia di bambini, migliaia di esseri umani, che muoiono cercando d attraversare il Mar Mediterraneo.

“Abbiamo voluto dare un tema di Rosalia Bambina che ci indirizza per questo 394° Festino – ha precisato l’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice - Possiamo guardare la città degli uomini a partire dai più piccoli, perché li dobbiamo custodire ed accompagnare. Rosalia è palermitana e ha vissuto nella nostra città. D’alto di Monte Pellegrino ha guardato il nostro mare. Il mare nostro, dove oggi muoiono troppi bambini. Il Festino di Santa Rosalia è  un momento che ci fa vivere l’appartenenza alla città, a partire da questo profilo meraviglioso di una Santa, una donna che ha vissuto la sua umanità nella fede in Gesù e che per Palermo resta un punto di riferimento”.

 

Le novità del 394° Festino
Leo Gullotta aprirà il Festino, intorno alle 21, dal piano di Palazzo Reale, accompagnando il pubblico, con la sua capacità recitativa e la sua inconfondibile voce, nella rappresentazione della vita della Santa, Patrona di Palermo. Lo sfondo sarà quello del percorso che dal Piano di Palazzo Reale porta al Foro Italico.

Fra le straordinarie sorprese della 394esima edizione c’è la presenza di Kitonb Project, compagnia di teatro estremo. Il loro spettacolo davanti alla Cattedrale, accompagnato da Gullotta nei panni del diarista.

Ancora emozioni ai Quattro Canti dove la compagnia catalana de “La Fura dels Baus”, celebre in tutto il mondo, racconterà la liberazione dalla peste con una performance di particolare suggestione, con effetti scenici e di luce mai visti e con la partecipazione di numerosi artisti “volontari” reclutati in città.

Il carro tutto al femminile
Il carro, allestito da un team di artiste professioniste, rappresenta un veliero con due alberi e saranno ben visibili i fiori simbolo di Santa Rosalia, rosa e lilium, in un gioco di colori allegro e fiabesco dedicato alla fanciullezza. Al suo fianco, da Palazzo Reale ai Quattro Canti, la Kids Orchestra Band del Teatro Massimo, composta da ragazzi compresi tra gli 8 e i 15 anni.

 

Le manifestazioni dal 10 al 13 luglio
Anche quest’anno il programma della manifestazioni collaterali al Festino è molto ricco. La città  si animerà dal 10 al 13 luglio tra Piazza Pretoria, Piazza Marina, Piazza Bologni, Piazza Monte di Pietà, la Cattedrale e Palazzo Sant’Elia, che ospiterà la mostra fotografica “Per amore di Rosalia”. La formale inaugurazione del 394esimo Festino avverrà a Piazza Pretoria il 10 luglio alle 18.30 con il saluto istituzionale delle autorità a cui farà seguito il ballo dei “Giganti di Mistretta” e la sfilata che si concluderà davanti alla Cattedrale in onore di Santa Rosalia.

Tra gli spettacoli più importanti per il suo elevato valore sociale c’è “Rosalia è Palermo”, messo in scena il 12 e 13 luglio, alle 21.00, a Piazza Monte di Pietà, dalla Compagnia Teatrale dei detenuti - attori del Carcere Ucciardone, diretta da Lollo Franco, con la partecipazione straordinaria della piccola Marialisa Pagano nel ruolo di Rosalia.

 

Il Festinello
Di particolare rilevanza il “Festinello – Il Carro di Santa Rosalia dei bambini” che sfilerà l’11 luglio alle 18.30 dalla Cattedrale con le piccole “Rosalia” dei  Quattro Mandamenti: Palazzo Reale, Monte di Pietà, Castellammare e Tribunali. Ma anche in alcune comunità Straniere residenti in città: Mauritius, Bangladesh, Filippine, Ghana. Il corteo sarà accompagnato dalla Kids Orchestra Band del Teatro Massimo. La ricerca dei testi e la consulenza storica è stata affidata a Ignazio Buttitta.

“Io e Letizia Battaglia abbiamo deciso di viaggiare insieme - spiega Lollo Franco -  Il Festino è tra le feste barocche più importanti d’Europa, noi abbiamo ancora il percorso del 1624 e questa è storia. Abbiamo scelto di affidare il restyling del Carro e la realizzazione della Statua di Santa Rosalia a un team al femminile che esprime talento, determinazione, competenza e amore”.

 

La copertura mediatica del Festino
Le emittenti Tgs ed Rtp, che fanno parte del gruppo Ses Gazzetta del Sud-Giornale di Sicilia, trasmetteranno quest’anno in diretta in tutto il mondo, via satellite, le immagini del 394° Festino di Santa Rosalia. La due storiche televisioni siciliane, infatti, si collegheranno in diretta da corso Vittorio Emanuele, sabato 14 luglio a partire dalle 20,15, e seguiranno tutte le fasi del corteo storico del Carro Trionfale della Santuzza da Porta Nuova e da Palazzo Reale sino a Porta Felice e ai Fuochi del Foro Italico. E la diretta streaming sarà trasmessa anche su Gds.it.

Ma Tgs ed Rtp, per la prima volta nella storia della Festa della Santuzza, trasmetteranno anche in diretta domenica 15 luglio, a partire dalle 18,45, la Solenne Processione dell’Urna con le Sacre Reliquie di Santa Rosalia Patrona di Palermo, dalla Cattedrale sino a Piazza Marina e poi di nuovo sino al rientro in Cattedrale con la ripresa dei Fuochi finali.

Le due dirette andranno, dunque, in onda il 14 e il 15 luglio su Tgs (canale 15 del d.t. in tutta la Sicilia) e anche in contemporanea su Rtp (canali 517 e 646 del digitale terrestre per Messina e provincia e per la Calabria), su Viva l'Italia Channel (canali 875 e 879 di Sky), in streaming su www.gds.it e su www.rtptv.it e sulle pagine Facebook del “Giornale di Sicilia” e di “Salvo La Rosa Official”.

Il commento di entrambe le dirette sarà effettuato da Salvo La Rosa, direttore artistico delle due reti televisive, con la collaborazione di tutti i giornalisti della redazione di Tgs. Le due dirette saranno realizzate con la collaborazione tecnica di Videobank, azienda Siciliana leader nel mondo nel settore delle tecnologie per la comunicazione e dei servizi televisivi.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X