L'INCHIESTA

Palermo, masso si staccò da Monte Grifone: indagato un architetto del Comune

di
Palermo, Cronaca

Nel 2014 un grosso masso si è staccato da Monte Grifone, nella zona di Belmonte Chiavelli, a Palermo, ed è finito contro un'officina meccanica sfondando una parete. Tre magazzini sono stati dichiarati inagibili.

Adesso un architetto del Comune di Palermo, Francesco Mereu, è indagato: il processo è nella fase dell’udienza preliminare. Lo assiste l’avvocato Alessandro Martorana. Questa mattina, davanti al gup Roberto Riggio, il Comune di Palermo – chiamato come responsabile civile – ha dichiarato che la competenza sarebbe del ministero. Il gup deciderà nella prossima udienza.

Il masso di circa quattro metri si è staccato nella zona di Casuzze, dove c'è la centrale Enel, e dopo aver sfondato il muro dell'officina ha fermato la sua corsa contro un fuoristrada. I proprietari degli edifici e dell’auto si sono costituiti parte civile.

Quando il masso è venuto giù, sul luogo della frana sono intervenute diverse squadre dei vigili del fuoco. Dai sopralluoghi emerse che altri due massi di circa due tonnellate rischiavano di staccarsi da Monte Grifone a causa della pioggia che cadeva sul capoluogo siciliano e per precauzione erano state evacuate due famiglie in via Guido Ruggero. Nel 2009 una grossa frana aveva investito la borgata allagando case e magazzini. Numerosi, allora, furono gli sfollati.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X