DROGA

Due piantagioni di marijuana scoperte allo Zen e a Falsomiele a Palermo, un arresto e sequestri

di
droga palermo, marijuana palermo, piantagioni marijuana, Palermo, Cronaca
La piantagione di marijuana a Falsomiele a Palermo

Due piantagioni di marijuana sono state scoperte a Palermo in due distinte operazioni: una allo Zen 2 con 68 piantine, l'altra nel quartiere Falsomiele dove invece erano 500. La droga è stata sequestrata e un uomo è stato arrestato.

I carabinieri della stazione San Filippo Neri hanno rinvenuto allo Zen 2 in un cunicolo situato al di sotto di un padiglione una serra artigianale con 68 piante di marijuana alte circa 50 centimetri. Nel padiglione c'erano lampade, reattori, impianti di condizionamento e vario materiale fertilizzante. Le piante e le attrezzature sono state sequestrate. Indagini in corso per individuare i responsabili.

Una piantagione “indoor” di canapa indiana, allestita in un appartamento al primo piano di una palazzina di via Falsomiele, è stata scoperta dalla polizia. Le volanti dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico hannosequestrato oltre 500 piante, dell’altezza media di 60 centimetri, l’impianto e le attrezzature usate per favorirne la crescita e la coltivazione ed hanno arrestato il proprietario dei locali adibiti a serra, un palermitano di 54 anni.

I poliziotti hanno ispezionato, palmo a palmo, la proprietà del palermitano fino a raggiungere il luogo della coltivazione, seguendo anche l'odore caratteristico proveniente da due appartamenti. All’interno, oltre alla canapa indiana, c'erano additivi chimici, per favorire la crescita dei vegetali, strumenti per la rilevazione del “ph”, un bilancino di precisione, essiccatori elettrici, un complesso impianto di areazione ed illuminazione, necessario a velocizzare la coltivazione.

Personale dell’Enel ha, inoltre, accertato che tutta la palazzina era alimentata da allacci abusivi alla rete elettrica, per questo anche gli altri condomini dovranno rispondere del reato di furto di energia elettrica. Indagini sono in corso per risalire ad eventuali destinatari, “all’ingrosso”, dello stupefacente.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X