Tra cultura e fantasia: a Palermo partita all'orto botanico "Una marina di libri"

Ala via all’Orto botanico di Palermo «Una marina di libri», la kermesse, firmata da Piero Melati, promossa dal CCN Piazza Marina &Dintorni in collaborazione con le case editrici Navarra e Sellerio e la Libreria Dudi, con il sostegno della Siae. Fino a domenica l'Orto Botanico si trasformerà in un giardino letterario dedicato alla parola, scritta o pronunziata.

Consigli per aspiranti scrittori raccontati al bar Cirenaica al fantasma» di Andrea Pazienza. Nella Serra Carolina si inaugura la mostra «Cento pagine» a cura del blog di editoria FNlibri di Federico Novaro insieme con Marta Occhipinti e Andrea Vendetti. Una esposizione che riunisce i 77 volumi della collana ideata e diretta da Italo Calvino tra il 1971 e il 1985 e che permette di apprezzare il lavoro di Munari e Max Huber, che ne curarono la veste grafica.Ancora, si parlerà di «L'esageratore. Moti in chiave di prosa» di Marco Bisanti, «Tutti in campo. E tu, conosci Peppino Impastato?» di Melania Federico e Adriana Saieva, illustrazioni di Letizia Algeri.

In sala Lanza la tavola rotonda "Dalla storia alla Storia: le tendenze del noir, tra fatti di cronaca e eventi storici» un importante evento firmato da Quais du Polar - Festival Internazionale Lione e l’Istituto francesce di Palermo diretto da Eric Biagi. Intervengono: Piergiorgio Di Cara, Marc Fernandez e Olivier Truc.

All’ombra del ficus la presentazione del libro «Patria 1967-1977» di Enrico Deaglio mentre alla Serra Carolina il primo evento nato in collaborazione con la questura «Gli aneddoti, quello che le indagini non dicono» con Daniele Billitteri e Ivan D’Anna. Sul palco della marina «Cucitor di canti, Le parole dette», Incontro con Mimmo Cuticchio mentre alle 21 Riccardo Staglianò ci parlerà di «Lavoretti» e Giuseppe Tornatore di "Leningrado». Infine il reading «Palermo è Vucciria, Palermo è Rosalia!» , racconti illustrati di Ideestortepaper tra mercati, piazze e simboli di città e il concerto degli Utveggi.

Tutti gli eventi sono gratuiti ma l’ingresso alla manifestazione è soggetto a un contributo che andrà all’Università degli Studi di Palermo per il sostegno e la tutela dell’Orto botanico che ospita il festival. Venerdì 8 giugno, la manifestazione chiuderà a pranzo dalle 14 alle 16:30; sabato 9 e domenica 10 giugno l’ingresso sarà continuato dalle 10 alle 24.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X