LA VERTENZA

Opera Pia Ruffini a Palermo, per i 40 ex dipendenti futuro sempre più incerto

di

Altro duro colpo questa mattina per 40 ex dipendenti dell'Opera Pia Ruffini. All'incontro che si è tenuto questa mattina in via Praga non erano presenti né il l'arcivescovo Corrado Lorefice né i membri del Consiglio di Amministrazione dell'Ente.

In una nota si scrive che tale assenza è dovuta ad impedimenti e ad improcrastinabili impegni e viene ribadito che l'operato del licenziamento collettivo è stato fatto in regola. L'unica possibilità per i lavoratori rimane dunque quella di impugnare i licenziamenti dal giudice del lavoro.

I sindacati hanno chiesto un ulteriore incontro con l'assessore alla Famiglia Mariella Ippolito, anche perché a fine mese scadranno i 120 giorni di preavviso previsti dalla legge. A quel punto i licenziamenti saranno considerati effettivi.

Secondo gli ex lavoratori dell'Opera Pia Ruffini, la procedura di licenziamento è illegittima visto che l’Ipab è da considerarsi ente pubblico. "Tesi sostenuta anche dall'assessorato - spiegano i sindacati - che ha però solo funzione di controllo e non di intervento".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X