CITTA' DA VIVERE

Ecco cosa fare oggi a Palermo

di

Appuntamenti

A Danisinni il cambiamento è nell'aria. Qui molti dei muri delle case basse sono state colorate da murales e il quartiere è diventato meta di writers e artisti interessati ai percorsi sociali attraverso l'arte. Percorsi che in questo quartiere vedono in prima fila l'Accademia di Belle Arti di Palermo e la parrocchia. Il progetto "Rambla Papireto", portato avanti insieme al Comune, ha visto non solo realizzare opere di street art, ma trasformare un'ampia area un tempo occupata illegalmente in un giardino dove oggi i bambini possono giocare e stare a contatto con le piante e con gli animali. Qui sta anche per arrivare un tendone permanente per creare  il primo Circo sociale di Palermo. Una scuola di arti circensi aperta alla città. Ma in questo quartiere, prima sconosciuto ai più, è anche sorta una biblioteca e adesso si lavora alla nascita di uno spazio espositivo. Un museo sociale per cui decine di artisti hanno già donato alcune opere ispirate al tema della scrittura. Nell'attesa che la galleria di Danisinni sia pronta, i quadri approdano al piano terra di Palazzo Sant'Elia nell'ambito della Settimana delle culture

Settimana della cultura

Oggi dalle 9.30 e alle 15, con partenza da Piazza Bellini presso info point Comune di Palermo parte la visita guidata dei siti patrimonio dell'Unesco.

Dalle10 alle 13, al Castello di Maredolce ci sarà una visita guidata per tutti gli interessati a cura di Domenico Ortolano.

Alle 16.30, alla Ex Real Fonderia alla Cala ci sarà l'inaugurazione della mostra dal titolo "Le borgate marinare della costa di Levante e Maredolce" . Presenta Carlo Pezzino Rao. Intervengono Pippo Lo Cascio, Domenico Ortolano. Segue una tavola rotonda con interventi di Carlo Pezzino Rao, Pasqualino Monti (Presidente Autorità Portuale di Palermo), Sergio Marino (Assessore Mare e Coste del Comune di Palermo), Pippo Lo Cascio, Giovanni Purpura, Giulia Argiroffi.

Alle 18, alla Chiesa Maria SS. Regina degli Apostoli di Vergine Maria
Musical… che passione!
Esibizione della Corale Senior Centro Diurno di Boccadifalco del Comune di Palermo
Diretta da Pia Tramontana

Alle 20.30, alla Chiesa di San Mattia, ex Noviziato dei Crociferi ci sarà la serata finale della rassegna Bella voce organizzata dal Centro Diurno Anziani del Comune di Palermo. In collaborazione con Roberto Superchi.

Alle 21 alla Chiesa di Santa Maria dello Spasimo ci sarà lo spettacolo di musica e danza dal titolo "Astortango".  Le coreografie Daniela Ayala, musica di Astor Piazzolla eseguita da Energheia String Quintet.

Alle 21.30, all' Agricantus ci sarà lo spettacolo di musica brasiliana dal titolo "Il mio Brasile".  Sul palco la voce e la chitarra di Giò Marinuzzi.

 

Da vedere

​La vita, le abitudini, gli abiti, gli arredi dell'ex casa degli orfani di Padre Messina a Sant'Erasmo, ricostruite attraverso una mostra che raccoglie quanto rimasto di quella esperienza di carità nata tra la fine dell'Ottocento e la prima metà del secolo successivo. Utensili ma anche foto che testimoniano come l'Istituto fosse non solo un luogo di accoglienza ma un centro di formazione. Qui c'erano telai, macchine da cucire, macchine da tessitura, da filatura, tra le più moderne dell'epoca. Un patrimonio in gran parte disperso che rivive grazie a questa iniziativa. La mostra, organizzata per la Settimana delle culture, è a cura di Erminia Scaglia. La mostra è aperta dal 13 al 20 maggio. Dalle 9 alle 13 e dalle 15,30 alle 18,30. La domenica dalle 10,30 alle 13,00. Ingresso gratuito.

Nell’ambito e in collaborazione con la Settimana delle Culture 2018 il Museo Salinas inaugura la mostra “Dipinti, argenti e maioliche del Museo Nazionale di Palermo. Dalle collezioni all’arredo”. Esposti al pubblico, dopo circa 70 anni, alcuni dipinti di varia cronologia, provenienti dalle collezioni storiche - principe di Belmonte, marchese Haus, marchesa di Torrearsa, Agostino Gallo - che nell’Ottocento andarono ad incrementare il Museo Nazionale. E ancora: un gruppo di maioliche, frutto di donazioni e acquisti, provenienti per lo più da officine di Caltagirone, una sezione dedicata ad arredi sacri in argento, realizzati da argentieri siciliani tra il XVII e il XIX secolo, ed altri oggetti d'arredo come monetieri in legno ad eleganti contenitori di gioie e piccole preziosità. Fino al 30 maggio. Vernissage: oggi alle 17. Visite: da martedì a sabato 10-17. Domenica 10-13. Lunedì chiuso. Ingresso: 3 euro


Matilde Gagliardo è un'artista siciliana ma vive a Firenze. I video-ritratti da lei realizzati ed in mostra con l'installazione "La fabbrica della bellezza. La Manifattura Ginori e il suo popolo" ai Cantieri Culturali alla Zisa, fino al 16 maggio (ore 10-20) per la Settimana delle Culture racconta i volti dello stabilimento Ginori e sul legame che, in Italia, l'industria manifatturiera ha creato con l'arte e la bellezza. La video-installazione è curata da Tomaso Montanari e Livia Frescobaldi Malenchini. La scelta dei cantieri, ex sede delle fabbriche Ducrot che hanno esportato l'arte siciliana del mobile in tutta Europa, non è causale. 

Chi c’era se lo ricorda, chi è più giovane, ne ha sentito parlare. Sono passati cinquant’anni ed è quasi necessario, oggi, chiedersi quale sia stata l’eredità abbandonata sul campo dal ’68. Forse è tutto passato come quella vecchia radio che resta abbandonata sulla parete? Il compositore e artista sardo Alessandro Olla fa sue le ansie dell’uomo di oggi, che desidera essere in questo e, contemporaneamente, in altri luoghi. “Onde corte - Geografie possibili” (e una seconda installazione, “Geofonie tattili”) è il primo appuntamento del cartellone di CURVA MINORE – ventunesima stagione, firmata sempre da Lelio Giannetto – che ha scelto come titolo proprio Rievoluzione - Musica Ribelle. La rassegna è in programma dall’11 al 27 maggio allo Spazio Perriera dei Cantieri Culturali alla Zisa (via Paolo Gili 4), a Palermo.

All’Archivio Storico Comunale di Via Maqueda 157, si può ammirare  la mostra dal titolo "Futurismo e futuristi:l'impatto e l'oltre"curata e organizzata da Graziella Bellone in collaborazione con Laura Miceli . L'evento è inserito nel programma di Palermo Capitale della Cultura 2018. La mostra sarà visitabile fino all’8 giugno.  L’ingresso è gratuito.

E' uno dei grandi della fotografia del XX secolo. I suoi scatti hanno narrato la disperazione e la tragedia delle guerre che hanno costellato il Novecento e le speranze di fronte alla fine dei conflitti. La mostra "Robert Capa - Retrospective" che si è aperta all'Albergo dei Poveri a Palermo, ripercorre il lavoro di questo maestro della fotografia in un momento particolare: le celebrazioni dei 70 anni di Magnum Photos, di cui Capa fu fondatore insieme a Henri Cartier-Bresson, George Rodger, David “Chim” Seymour e William Vandivert. Centosette gli scatti in mostra, tutti in bianco e nero, realizzati dal 1936 al 1954, l'anno in cui Capa morì, ucciso da una mina anti-uomo in Indocina. Tra le sezioni anche una dedicata alla Sicilia dove il fotoreporter raccontò la liberazione dell'isola da parte degli americani alla fine del secondo conflitto mondiale.

“Arrivano i dinosauri”,  l' esposizione di due dei più importanti modelli di dinosauri al mondo all'Orto Botanico di via Lincoln . L’acquisizione dei dinosauri, rappresentativi delle specie “Carnotaurus sastrei” e “Thecodontosaurus antiquus”, scaturisce dalla collaborazione scientifica tra il Museo Gemmellaro del SiMuA e l’Oertijdmuseum di Boxter in Olanda, produttore delle repliche. L’installazione aprirà al pubblico a partire dalle 9 e la visita è compresa nel biglietto di ingresso all’Orto Botanico dove saranno esposti fino al mese di agosto.

Nudi. Centinaia e migliaia. Volontari che accorrono per partecipare ad ogni suo progetto. Spencer Tunick racconta così il paesaggio, livellando la bellezza dei corpi senza veli, rendendo uguale uno agli altri. Sarà Palermo – Capitale Italiana della Cultura 2018 – ad ospitare “Nudes”, l’antologica del fotografo americano che raccoglierà, per la prima volta, scatti realizzati in tutto il mondo, da Shanghai a Parigi, dall'Australia a Brooklyn. La mostra di Spencer Tunick è visitabile  allo ZAC, il padiglione dedicato all’arte contemporanea nei Cantieri Culturali alla Zisa, dove resterà fino al 2 giugno.

​Siciliano di nascita, romano d’adozione, Francesco Trombadori è stato un artista dalle qualità sopra le righe. Paesaggista e ritrattista, mostra nella sua pittura quell’occhio sensibile figlio di un lasso di tempo che corre tra due grandi guerre: al pittore dedica un’ampia retrospettiva la Galleria d’arte Moderna che dal 23 marzo al 2 settembre ospita “Francesco Trombadori. Essenziale verità delle cose”. Vengono esposte circa sessanta tele, dipinte tra il 1915 e il 1961, provenienti da importanti collezioni pubbliche e private di tutta Italia; e inoltre, disegni, libri, cataloghi di mostre e articoli di giornale dall'archivio dell'artista, custodito nel suo studio a Villa Strohl-Fern. La mostra è a cura di Giovanna Caterina De Feo ed arriva a Palermo dopo essere stata allo GNAM di Roma. Dopo più di dieci anni dall’ultima mostra monografica nella sua città natale, Siracusa, Trombadori ritorna a far parlare di sé.

Dopo alterne vicende, il celebre Ritratto di Donna Franca Florio, eseguito da Giovanni Boldini e simbolo della Belle époque, torna nella sua città, a Villa Zito, in occasione delle iniziative di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018. La mostra Il ritorno di Donna Franca Florio sarà aperta al pubblico fino al 20 maggio.

Arriva fino al 10 giugno a villa Zito in via Libertà la mostra dedicata ai pittori "Caravaggeschi".

Il teatro Politeama Garibaldi di piazza Ruggero Settimo sarà visitabile al mattino, sette giorni su sette. Porte aperte dalle 10 alle 14.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X