LA VERTENZA

Passante ferroviario di Palermo, revocato lo sciopero: incontro Rfi-Sis a Roma

di

Feneal, Filca e Fillea revocano lo sciopero di domani degli operai del cantiere del passante ferroviario di Palermo. Lo sciopero delle maestranze era stato proclamato in concomitanza con la riunione tra l'azienda Sis e i sindacati, convocata  per domani  presso gli uffici della direzione territoriale, per discutere della procedura di licenziamento collettivo dei 260 operai. L'incontro  salta perché la Sis ha concordato per domani un incontro con Rfi. La riunione con le organizzazioni sindacali è slittata invece al 24 maggio.

I sindacati revocano lo sciopero ma indicono un presidio sotto la Prefettura alle 16 di domani. Feneal, Filca e Filllea: “Sollecitiamo il prefetto De Miro a convocarci e a intervenire”. In una lettera del 26 aprile scorso,  i sindacati avevano chiesto al Prefetto la costituzione di un tavolo tecnico presso cui convocare le parti per scongiurare il licenziamento dei lavoratori e il rischio  del mancato proseguimento dell'opera.  I sindacati hanno già annunciato il loro “no” alla firma di qualsiasi accordo sui licenziamenti “sino a quando non sarà fatta chiarezza”.

Proteste arrivano nel frattempo dai pendolari, quelli che più hanno subito e stanno subendo una chiusura che dura ormai da 3 anni, con ritardi di oltre un anno e mezzo: “Conoscendo come vanno le cose in Sicilia questa vicenda non è del tutto inaspettata, ma certo è che le notizie che arrivano ci lasciano l'amaro in bocca - dice Giacono Fazio, presidente del comitato pendolari della Palermo-Punta Raisi -. Siamo solidali con i lavoratori che insieme a noi pendolari sono quelli che  pagano le conseguenze di questi giochi al rialzo. Sono passati tre anni dalla chiusura, un’eternità. E meno male che Palermo  è la Capitale della cultura, ina capitale senza collegamento ferroviario all’aeroporto. Per non parlare di noi pendolari, costretti a  viaggi della speranza e ad attese estenuanti nelle stazioni, perdendo ore di lavoro e togliendo spazio alla famiglia”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X