MAFIA

Mafia, un superclan fra Partinico e San Giuseppe Jato: confermate condanne per boss e gregari

condanne mafia, Corte di Cassazione, mafia, nuovo mandamento, Palermo, Cronaca
Corte di Cassazione

La Corte di Cassazione ha confermato le condanne a oltre 200 anni di carcere inflitte in appello a boss e gregari della provincia di Palermo. I giudici romani hanno ribadito il ruolo di vertice di Antonino Sciortino che in primo grado era stato assolto e in appello condannato a 18 anni. Il processo nasce dall'inchiesta Nuovo Mandamento così chiamata per il progetto dei clan di costituire un supermandamento che avrebbe dovuto accorpare le cosche di Camporeale, Monreale, Partinico, San Giuseppe Jato, Camporeale, Altofonte, Borgetto, Montelepre e Giardinello.

Gli imputati rispondevano a vario titolo di mafia, estorsione, detenzione di armi e di droga, furto di bestiame e dell'omicidio di Giuseppe Billitteri, eliminato col metodo della lupara bianca il 22 marzo del 2012.

Giuseppe Marfia, si è visto annullare con rinvio la condanna a 11 anni e 4 mesi. Giuseppe Speciale ha avuto 8 anni, Francesco Lo Cascio, 20 anni, Francesco Matranga, 10 anni, Salvatore Romano, 10 anni e 8 mesi, Santo Porpora, 8 anni, Domenico Billeci, 10 anni e 8 mesi, Giovanni Rusticano, 9 anni e 4 mesi (in continuazione con una precedente condanna), Salvatore Lombardo, del 1922, 10 anni e 8 mesi, Salvatore Lombardo, del 1969, 8 anni, Giuseppe Abbate, 8 anni, Angelo Cangialosi, 6 anni e 8 mesi, Antonino Giambrone, 8 anni, Calogero Caruso, 8 anni, Salvatore Prestigiacomo, 6 anni e 8 mesi, Giovanni Longo, 3 anni e 4 mesi, Sebastiano Bussa, 3 anni, Francesco Gallo, 6 mesi, Giovanni Gerardo Ramacca, 8 mesi, Salvatore Lo Voi, 2 anni e 4 mesi.

Sentenza della Cassazione sulla mafia di Partinico e San Giuseppe Jato: tutti i nomi e le condanne

A 11 anni è stato condannato Sergio Damiani, a 17 Salvatore Mulè. Giuseppe Lo Voi ha avuto 18 anni e 2 mesi, Salvatore Tocco 1 anno e 8 mesi, Vincenzo Madonia 10 anni e 4 mesi, Francesco Vassallo 10 anni e mezzo, Carmelo La Ciura 10 anni, Giovanni Rusticano 7 anni e mezzo, Giovanni Longo 3 anni e 2 mesi, Sebastiano Bussa 2 anni e 11 mesi, Baldassare Di Maggio e Pietro Ficarrotta 7 anni e 2 mesi, mentre Giuseppe Mulè è stato condannato a 8 anni.

Quattro anni e mezzo ha avuto il collaboratore di giustizia Giuseppe Micalizzi che, aveva iniziato a parlare con i magistrati poche settimane dopo il suo arresto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X