L'INCHIESTA

Fallimento, il legale del Palermo calcio: "Nessun ricorso da parte della procura"

di
fallimento palermo, Giovanni Giammarva, Palermo, Qui Palermo
Il presidente del Palermo, Giovanni Giammarva

“Non ci è pervenuta nessuna comunicazione di un eventuale ricorso da parte della Procura, quindi è lecito pensare – essendo passati più di 30 giorni dalla sentenza – che i pm abbiano rinunciato a ricorrere in appello”. Lo ha detto l’avvocato del Palermo Calcio, Francesco Pantaleone, parlando di un eventuale ricorso alla decisione del  Tribunale di Palermo che ha respinto l'istanza di fallimento del Palermo Calcio presentata dalla Procura. La scelta del collegio composto dal presidente Giovanni D'Antoni, dal giudice delegato Giuseppe Sidoti e dal giudice anziano Raffaella Vacca è quindi definitiva.

La sezione fallimentare aveva respinto le richieste della Procura rappresentata dai sostituti Andrea Fusco e Francesca Dessì, dando ragione al presidente Giovanni Giammarva e al pool di avvocati ed esperti: Francesco Pantaleone, Francesca Trinchera e Gaetano Terracchio, Francesco Paolo Di Trapani, Nicola De Renzis e Lorenzo Stanghellini.

La situazione debitoria, secondo il collegio, è molto meno grave di quanto prospettato dai magistrati. Secondo i pm, il Palermo ha debiti per oltre 60 milioni di euro con un patrimonio netto negativo al 30 giugno 2017 di 18,3 milioni; la previsione dei flussi di cassa al 30 giugno prossimo è negativo (meno 27,7 milioni).

Opposta la posizione della società che ha sostenuto una diversa situazione finanziaria (ha anche saldato i debito con il fisco) ma anche la possibilità di ritorno in serie A che farebbe cambiare completamente i conti. Il Tribunale non ha inoltre ritenuto in dubbio il saldo per la vendita della Mepal (società che ritiene il marchio) ceduta il 30 giugno 2016 ad Alyssa, società lussemburghese riconducibile alla famiglia Zamparini.

Il prezzo è fissato a 40 milioni di euro. Solo che, secondo i pm, Alyssa non ha onorato la prima rata, scaduta il 30 giugno 2017. Il Palermo ha però ribattuto di avere un accordo per il quale i pagamenti sono stati posticipati al 30 maggio 2018 e al 30 giugno 2019. Nel frattempo Alyssa ha acquisito un credito di 7,5 del Palermo e ha versato 4 milioni di euro. A garantire per Alyssa c'è inoltre un'altra società dello stesso Zamparini, la Gasda spa, la grande scatola che contiene tutte le attività del gruppo che fa capo all'imprenditore friulano. Per il Tribunale e per i suoi consulenti non c'è ragione di credere che Alyssa non salderà il debito con il Palermo (cosa di cui è invece certa la Procura) e, in ogni caso, la Mepal tornerebbe nella disponibilità della società sportiva.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X