SERIE B

Palermo col Cittadella per scacciare paure e ansia

di
calcio serie b, Cittadella Palermo, esonero tedino, Bruno Tedino, Maurizio Zamparini, Palermo, Qui Palermo
Bruno Tedino

PALERMO. A Cittadella per vincere, per dare battaglia, per scrollarsi di dosso paure e ansia. Dopo le parole di Zamparini, alla vigilia del match del “Tombolato” parla Bruno Tedino: "Abbiamo di fronte sette finali. Dobbiamo usare poco il fioretto e molto la sciabola: dobbiamo avere la mentalità di chi non regala niente".

Il tecnico risponde alle voci di esonero e ribadisce il ruolo del patron: "Zamparini ha grandissimi meriti: anche quando abbiamo avuto battute a vuoto siamo riusciti a compattare il gruppo e la squadra. Le decisioni non spettano a me, io provo a lavorare duro per dare alla squadra ciò che non ha dal punto di vista psicologico. Zamparini arrabbiato? Siamo tutti arrabbiati, lui è la proprietà e ha ragione di esserlo; contro il Pescara abbiamo pagato la stanchezza e poche soluzioni in organico, ma contro la Cremonese abbiamo buttato via la partita. Il primo responsabile è sempre l’allenatore, tocca a me capire e analizzare i motivi per cui dilapidiamo certi vantaggi. In questo momento dobbiamo spostare l’attenzione anche sugli infortuni, seri, lunghi e fastidiosi in un reparto dove siamo pochi".

A Cittadella match insidioso: "Il Cittadella è una squadra muscolare, molto forte fisicamente, ma abbiamo i mezzi per vincere. Una vittoria sarebbe come l’aspirina per il raffreddore. Facendo più punti degli altri andiamo sopra, serve energia e una spinta notevole per il nostro percorso, non possiamo accontentarci e dobbiamo superare l’ostacolo con energia, potrebbe essere la spinta verso un percorso vincente".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X