TRIBUNALE

"Abusi su dodicenne": ex agente penitenziario di Palermo condannato ad otto anni

PALERMO. I giudici della seconda sezione del tribunale di Palermo hanno condannato a 8 anni di carcere un ex agente di polizia penitenziaria accusato di avere compiuto atti sessuali sulla figlia della convivente, che all’epoca dei fatti aveva soli 12 anni. Gli abusi risalgono al 2007 e sarebbero durati circa tre anni. La vittima, ora maggiorenne, si è costituita parte civile al processo con l’assistenza dell’avvocato Roberta Pezzano.

La vicenda è venuta fuori dopo il ricovero della ragazzina al pronto soccorso di un ospedale della provincia di Trapani. Ai medici l’adolescente raccontò che l’uomo le aveva procurato lesioni al setto nasale e fece le prime rivelazioni sugli abusi sessuali subiti.
Allontanata dalla famiglia e trasferita in un centro per minori con disagi sociali, ha piano piano raccontato le violenze sofferte.
L’accusa in giudizio era rappresentata dalla pm Alessia Sinatra.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X