Immigrazione clandestina: 7 fermati e 6 ricercati, tensione davanti al comando della guardia di finanza a Palermo

di

PALERMO. Momenti di tensione questa mattina davanti al Comando della Guardia di Finanza di Palermo: lanci di bottiglie, scarpe, urla, all'uscita dei 13 arrestati, a seguito di un'operazione della Guardia di Finanza, denominata Scorpion fish 2, portata a termine tra le province di Palermo e Trapani, che ha disarticolato una organizzazione criminale che favoreggiava l'immigrazione clandestina e il contrabbando di sigarette tra la Sicilia e la Tunisia.

Fermati Adele Micalizzi, moglie del boss di Brancaccio Cosimo Geloso, che gestiva per la banda un traffico di sigarette di contrabbando, Mokhtar Riani, Mohamed Zoubirim, Fouzia Ganouane, Mondher Hamrouni, Hamid Hassoune e Mehdi Ben Ayed.

Tra i fermati c'è anche un presunto estremista islamico che inneggiava alla Jihad sui social. Sul suo profilo sono stati trovati video e messaggi di propaganda jihadista.
Sei i ricercati: tra loro anche un marocchino che, come emerge dalle intercettazioni, avrebbe progettato un viaggio in Francia per "compiere azioni pericolose".

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X