TRIBUNALE

Palermo, restituiti all'imprenditore Lena i beni sequestrati: "Non è prestanome dei mafiosi"

di
Abbazia Santa Anastasia, sequestro beni, Franco Lena, Palermo, Cronaca

PALERMO. Sette anni e mezzo dopo il sequestro chiesto e ottenuto dalla Procura di Palermo vengono restituiti tutti i beni all'imprenditore Francesco Lena, assolto definitivamente dall’accusa di essere un prestanome dei mafiosi.

Nel patrimonio di Lena torna l'azienda "Abbazia Santa Anastasia" di Castelbuono. La sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo ha dato ragione all'imprenditore e ai suoi legali, gli avvocati Andrea Dell'Aira e Rosario Vento.

Il nome di Lena era stato associato a boss del calibro di Bernardo Provenzano (secondo l'accusa, il defunto padrino corleonese era il vero proprietario dell'Abbazia), Salvatore Lo Piccolo, Nino Madonia e Antonino Rotolo. Si partiva da alcune intercettazioni in cui i boss parlavano di favori resi da Lena. Secondo il collegio, però, “non è possibile comprendere in cosa sia consistito il favore”, né i pentiti hanno saputo aggiungere ulteriori elementi.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X