Pomini: "Contro il Pescara abbiamo fatto fatica. Adesso ci aspettano otto battaglie"

PALERMO. Protagonista del match contro il Pescara è stato Alberto Pomini, che parando un rigore a Brugman nei minuti finali, ha salvato il Palermo da una probabile sconfitta.
Al termine della gara, il portiere rosa nero ha parlato in mixed zone:
Il rigore è il gesto più semplice per un portiere, quello che si avvicina di più ad un gol – ha dichiarato Pomini -. Alla fine è una questione di istinto e ci vai senza pensarci più di tanto. Anche se devo dire che venerdì e sabato, in ritiro, abbiamo lavorato tanto con Sicignano e abbiamo osservato tanto. C'è una preparazione dietro ma è chiaro che ci vuole anche un po' di fortuna”.

Anche se Pomini non è contento della prestazione, prova a guardare il bicchiere mezzo pieno:
“Non c'è da essere contenti perché abbiamo fatto fatica – ha spiegato Alberto Pomini - forse anche per quella accumulata in queste ultime due settimane in cui abbiamo giocato tanto, ma anche per via dei nazionali che sono rientrati all'ultimo e non hanno avuto modo di lavorare con gran continuità. Volevamo la vittoria, è inutile nasconderlo ma abbiamo avuto delle difficoltà e in certi momenti della partita ci siamo un po' disuniti. Però – continua - in questo momento siamo secondi e se finisse oggi il campionato saremmo in serie A. Purtroppo non è così e siamo padroni del nostro destino. Adesso – conclude il giocatore - recuperiamo le forze in settimana e lunedì si parte per queste ultime otto battaglie”

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X