BENI CULTURALI

Palermo, restituito alla Basilica della Magione un dipinto rubato 29 anni fa

di

PALERMO. Restituito dai carabinieri del comando tutela patrimonio culturale questa mattina un prezioso dipinto, rubato  29 anni fa dalla Basilica SS. Trinità - La Magione a Palermo.

Il dipinto, risalente al XIX secolo raffigura, “Monsignor Giulio Benzo”, canonico della Magione. La cerimonia di riconsegna è avvenuta nella basilica  durante una messa celebrata dal parroco monsignor Salvatore Grimaldi, già cappellano militare del comando legione carabinieri Sicilia.

Erano presenti il principe Carlo di Borbone e il comandante della legione carabinieri sicilia generale di brigata Riccardo Galletta e i militari  del nucleo tutela patrimonio culturale. Il quadro era stato rubato dalla Basilica nel 1989 e, finora, fedeli e visitatori avevano potuto ammirarlo solo attraverso una riproduzione collocata all’ingresso del Salone di Santa Cecilia, nella parte esterna della Basilica.

Il recupero è frutto del costante monitoraggio del mercato dell’antiquariato da parte dei carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale. Sono state confrontate le immagini e i dati riguardanti le opere presenti nel catalogo di una casa d’aste palermitana con quelle contenute all’interno della banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti. I militari hanno effettuato accertamenti su un dipinto sospetto, che hanno permesso  di confermare che si trattava proprio del quadro rubato. Dalle indagini non sono emerse responsabilità a carico della casa d’aste che, in qualità di mandatario, aveva posto in vendita il dipinto per conto di un uomo, denunciato per ricettazione.

In particolare, il dipinto recuperato costituisce un’importante testimonianza della presenza del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, alle cui cure la chiesa fu affidata nel 1783 da Ferdinando I Re delle Due Sicilie.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X