L'INCHIESTA

Fallimento del Palermo, la procura: dubbi sul valore dei giocatori, situazione ancora critica

di
istanza fallimento palermo, Maurizio Zamparini, Palermo, Cronaca
Maurizio Zamparini

PALERMO. La Procura ha presentato le sue controdeduzioni alla consulenza dei periti del Tribunale depositata il 28 febbraio scorso dopo l'istanza di fallimento della società Palermo Calcio avanzata dai pm. Adesso la palla passa di nuovo ai periti del Tribunale di Palermo che avranno tempo fino al 20 marzo per integrare (eventualmente) la loro consulenza prima di presentarla al Tribunale. Poi verrà fissata un'udienza per la discussione delle parti. Al termine dell'udienza, il Tribunale si riserverà sulla decisione.

Tanti i punti di contrasto tra la Procura e i periti del Tribunale. Intanto, i pm contestano la valutazione dei giocatori rosanero che per i Ctu valgono oltre 58 milioni di euro, sedici in più di quanto li ha valutati per conto del club di Zamparini la società Wallabies. Ma soprattutto ben 39 milioni in più rispetto alla valutazione che lo scorso novembre aveva fatto il consulente della procura Alessandro Colaci nell'istanza di fallimento.

La procura si è affidata alla valutazione di Tranfermarkt, una delle più autorevoli fonti in materia. I tre professionisti nominati dal tribunale lo scorso dicembre Saverio Mancinelli, Daniele Santoro e Angelo Paletta hanno invece utilizzato un algoritmo.

L'enorme differenza di valutazione del parco giocatori, che è il principale asset che compone il patrimonio di una società di calcio, la considerevole riduzione dei debiti - quelli sì inconfutabili - con l'erario e l'incasso della prima tranche da 11,5 milioni di euro della vendita del marchio alla società lussemburghese, riconducibile a Maurizio Zamparini, Alyssa sono i tre punti più importanti della relazione che porta i periti del tribunale a concludere che l'attuale situazione finanziaria del club di via del Fante non è compatibile con lo stato di insolvenza.

Una conclusione molto diversa da quella a cui era giunto lo scorso novembre il perito nominato dalla procura Alessandro Colaci che mise nero su bianco una posizione debitoria di 63 milioni di euro con il fondato rischio che quest'anno le perdite salissero di altri 27 milioni.

Per la Procura la situazione del Palermo è ancora critica perché è molto incerta l'entrata di 28 milioni di euro, prevista tra il 2018 e il 2019 per la cessione della Mepal (società che detiene il marchio) alla lussemburghese Alyssa. Per i magistrati la Alyssa sarebbe una società cartiera che non avrebbe le risorse per chiudere il debito con il Palermo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X