Il premio Kaleidos va al pianista palermitano Giulio Potenza - Foto

PALERMO. Il “premio Kaleidos”  che quest'anno è giunto alla diciannovesima edizione, quest'anno rimane a Palermo.  L’omonima associazione che premia i personaggi del mondo della cultura che si sono distinti per l’impegno a favore della musica, quest’anno ha dato il titolo ad giovane talento palermitano: il pianista Giulio Potenza.

La cerimonia si è svolta ieri alla sala Onu del Teatro Massimo di Palermo e vi hanno partecipato Francesco Giambrone, Sovrintendente della Fondazione Teatro Massimo e la Professoressa Marzia Manno. Dopo il premio, Potenza si è esibito suonando dei brani di musica classica.

Ha studiato e si è perfezionato in istituti italiani e stranieri, vantando ad oggi partecipazioni a numerosi festival, sale da concerto e associazioni concertistiche, oltre che esibizioni in veste di solista al fianco di importanti orchestre come: Martha Argerich Project di Lugano, Fringe Festival di Edinburgo, Trinity College of Cambridge Piano Series, Grieg in Bergen Festival di Bergen e si è esibito in veste di solista con numerose orchestre tra le quali la Florence Symphonietta diretta da Piero Bellugi, l’University London Symphony Orchestra diretta da Daniel Capp e la North Beds Chamber Orchestra diretta da Jan Kaznowski. Ha vinto l’Hannah Brooke Prize, e il secondo premio al “Buono and Bradshaw” International Piano Competition di New York. È stato poi vincitore di numerosi concorsi pianistici.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X