IL FILM

Guadagnino pensa al sequel di "Chiamami col tuo nome": sarà ambientato sei anni dopo

chiamami col tuo nome, oscar 2018, Andrè Aciman, James Ivory, Palermo, Cultura
Luca Guadagnino arrives at the Oscars on Sunday, March 4, 2018, at the Dolby Theatre in Los Angeles. (Photo by Jordan Strauss/Invision/ANSA/AP) [CopyrightNotice: 2018 Invision]

LOS ANGELES. Il regista palermitano Luca Guadagnino, a cui è sfuggito l'Oscar per la migliore regia per "Chiamami col tuo nome" che è andato invece  a Guillermo Del Toro per "La forma dell'acqua", annuncia il sequel del suo film. "Con André Aciman stiamo già pensando al prosieguo della storia che sarà ambientata sei o sette anni dopo la prima. Sarà un nuovo film con un tono molto diverso e i protagonisti saranno sempre Armie Hammer e Timothée Chalamet".

Nell'idea del regista la storia avrà uno sfondo diverso: "Questa volta loro due saranno in giro per il mondo ma non posso dire di più poiché ci stiamo ancora lavorando e dobbiamo concludere la sceneggiatura". Girare Chiamami col tuo nome, sottolinea, "è stato come lavorare con una grande famiglia, come andare in vacanza con un gruppo di persone che ami".

Candidato a quattro premi Oscar, il film ha ottenuto la statuetta per la Miglior sceneggiatura non originale, assegnata a James Ivory che ha adattato il romanzo di Andrè Aciman. Un momento, quello della vittoria del collega sceneggiatore, che resterà impresso per sempre nella memoria del regista italiano.

"Io e James ci siamo abbracciati con una grande felicità reciproca. Sono molto orgoglioso di questo riconoscimento perché è un premio a un grandissimo scrittore e allo stesso tempo al film che abbiamo realizzato insieme". Il momento più emozionante? "Senza ombra di dubbio quando è salito sul palco: tutto il Dolby Theatre si è alzato in piedi per applaudirlo. Ha omaggiato me, gli attori, i suoi partner creativi, insomma è stato magnifico". Una cerimonia sobria quella condotta da Jimmy Kimmel, stravolta dal discorso di accettazione di Frances McDormand. "Le sue parole hanno colpito tutti, riesce a essere sempre così ficcante". Conclusa la cerimonia, Guadagnino ha fatto festa, ma solo a metà: "Ho fatto il giro di tutti i party ai quali eravamo invitati - racconta - Poi però sono tornato nella mia camera d'albergo a seguire la maratona televisiva di Mentana sulle elezioni politiche in Italia".

Nemmeno il tempo di riposarsi, la sveglia di Guadagnino è suonata prestissimo. "Devo fare di corsa le valigie e ho anche un appuntamento di lavoro. Metabolizzerò il tutto nei prossimi giorni. Di certo mi porto a casa il calore del pubblico, è stato un qualcosa di straordinario".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X