AMICI DELLA MUSICA

Dal Sudafrica a Palermo in scena il violoncellista Selaocoe

amici della musica, violoncellista, Abel Selaocoe, Palermo, Cultura
Abel Selaocoe

PALERMO. La musica ce l'ha nel sangue. Fin da bambino quando, in Sudafrica, inseguiva il suo sogno sfidando la povertà di tutti i giorni. Un sogno che ha preso lentamente forma grazie a una borsa di studio vinta a tredici anni.

Abel Selaocoe, col suo violoncello, sarà protagonista del primo concerto del mese di marzo della stagione 2018 di Amici della Musica di Palermo, con la direzione artistica di Donatella Sollima. Martedì 6 marzo alle 21, al Politeama Garibaldi, il musicista sudafricano suonerà con Alastair Mcmath al contrabasso e Yahael Onono alle percussioni. Un viaggio attraverso culture diverse, dove l'influenza africana si contrappone al repertorio classico di Bach e Debussy e dove l'improvvisazione trova ampio spazio.

Da Sebokeng a Manchester, dove Selaocoe vive da anni, sempre in tour in tutto il mondo coi suoi concerti. Ma la “sua” Africa, quella in cui costruiva mucche in miniatura fatte con l' argilla del fiume e le dipingeva con colori diversi per poterle vendere, o costruiva macchinine con cartoni di latte e strumenti musicali con barili di petrolio cantando tutto il giorno, gli è rimasta dentro. Ed è fonte di ispirazione per la sua musica. Un percorso duro, fatto di ostacoli e sacrifici in un paese che, “anche se ormai in regime democratico – dice il musicista – continua a sopportare le cicatrici dell'oppressione. Abbiamo imparato a sognare, non importa quanto tutto sembrava fuori dalla nostra portata, e siamo arrivati a riconoscere che il talento, il duro lavoro e la coerenza non hanno colore o classe”.

A 13 anni Selaocoe fa un'audizione per una borsa di studio musicale in una delle scuole più prestigiose del Sud Africa, il St John's College, e la ottiene. Poi la borsa di studio al Royal NorSathern College of Music dove si forma pian piano sua identità di violoncellista coi primi ensamble. Da lì la scalata verso il successo. Ha fondato un ensemble di musica mondiale chiamato Kabantu, che prende ispirazione dalla musica tradizionale di diverse parti del mondo, dal Sudafrica alla Bulgaria fino alla Scozia. Il gruppo si è esibito ai BBC Proms, al Fishguard International Festival, al BBC Free Thinking Festival, alla Bridgewater Hall e recentemente ha vinto il Royal over-seas league competition. Come violoncellista solista Salaocoe ha vinto il Royal over-seas award e il premio del pubblico per il Prince's Prize della Musicians Company. Ha suonato con Giovanni Sollima e ha suonato in "O / Modernt" di Hugo Ticciatti , un festival che celebra il passato esplorando le relazioni tra il lavoro dei vecchi compositori e le creazioni artistiche e intellettuali della cultura moderna.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X