Via Messina Marine, stop ai camper dei nomadi: raccolte 6 tonnellate di rifiuti - Video

PALERMO. A meno di quarantotto ore dallo sgombero, arriva la bonifica dello slargo di via Messina Marine (a pochi passi dell'incrocio con via Laudicina) che è stato per mesi occupato dai camperisti abusivi.

A lavoro oggi e per tutta la settimana ci sono una squadra di diciotto operai della Reset che hanno già rimosso sei tonnellate di spazzatura riempiendo 3 grossi mezzi con rifiuti di ogni tipo.
C'erano sacchetti colmi di rifiuti, resti di cibo, bottiglie di vetro e di plastica ma anche mobili dismessi, tavoli, sedie e resti di braci. E non mancavano gli escrementi umani lasciati all'aria aperta. Le erbacce in questi mesi sono cresciute a dismisura e anche i tronchi degli alberi sono stati circondati da rifiuti di ogni tipo.
Gli operai della Reset, non solo si sono occupati di rimuovere la maggior parte dei rifiuti ma stanno anche curando il verde della zona.
Il settore Ville e Giardini del Comune ha fornito 25 piante di ibiscus e 10 piante di biscus che sono state messe a dimora nelle prime ore di questa mattina.
"Cercheremo di vigilare che nessuno sporchi più questa zona con il supporto della polizia municipale - afferma Antonio Pensabene, dirigente del settore Verde della Reset - ci chiediamo come delle persone potessero vivere in queste condizioni di scandaloso degrado".
Tirano un sospiro di sollievo i residenti della zona che per mesi hanno dovuto convivere con cattivi odori, schiamazzi notturni e spazzatura sul marciapiede. Sono stati anche privati della possibilità di avvicinarsi alla spiaggia per poter godere di una passeggiata in riva la mare di Romagnolo.
Nelle immagini di Marco Gullà alcuni momenti della bonifica.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X