L'INCHIESTA

Mafia, Bacchi e il caso dell'emendamento per la sanatoria sui centri scommesse

mafia palermo, operazione game over, Benedetto Bacchi, Palermo, Cronaca
Antonio Benedetto Bacchi

PALERMO. L'imprenditore Benedetto Bacchi, titolare di oltre 700 agenzie di scommesse e giochi avrebbe fatto pressioni perché venisse approvato un emendamento alla legge finanziaria del 2017 per riaprire i termini della sanatoria per i "punti" irregolari e abbassare la quota da pagare per regolarizzare i centri.

Il particolare viene fuori dall'inchiesta che oggi ha portato all'arresto di Bacchi accusato, tra l'altro, di concorso esterno in associazione mafiosa e riciclaggio. La vicenda è stata oggetto di accertamenti da parte degli inquirenti che, però, non hanno avuto esiti. E l'emendamento non è mai passato.

Le agenzie dell'imprenditore di Partinico, che aveva raggiunto una posizione di monopolio nella gestione del settore grazie a una sorta di accordo stretto con Cosa nostra, erano tutte senza concessione: da qui la necessità di usufruire della sanatoria. "In pieno accordo con il mafioso Francesco Nania, Bacchi ha dato impulso a una serie di complici - scrive la polizia in una informativa che è stata depositata agli atti di un'altra inchiesta, quella sull'armatore trapanese Ettore Morace - al fine di veicolare a illustri uomini politici la promessa di una consistente quantità di voti a fronte dell'approvazione di un emendamento teso a salvaguardare gli interessi della famiglia mafiosa che rappresenta".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X