Emma Dante accetta la sfida e interpreta l'opera misteriosa "White Rabbit" - Video

PALERMO. Dopo il grande successo registrato lo scorso dicembre nella replica interpretata da Davide Enia, è tornato ieri sera nella Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo, White Rabbit Red Rabbit (Coniglio bianco, coniglio rosso) di Nassim Soleimanpour, un esperimento sociale in forma di spettacolo prodotto da 369gradi.

Ad accettare la sfida di interpretare un testo che si conosce solo al momento di andare in scena è stata l’affermata autrice e regista Emma Dante, artista principale del Teatro Biondo, dove dirige la “Scuola dei Mestieri dello spettacolo”.

Nel video l'intervista di Donatella Messina alla regista Emma Dante prima dello spettacolo.

Dal 2011, anno in cui ha debuttato all’Edimburgh Fringe Festival, White Rabbit Red Rabbit è stato rappresentato in tutti i continenti e tradotto in 25 lingue.

Affinché la performance abbia luogo, l’interprete e il pubblico devono rispettare alcune regole: l’attrice o l’attore che interpreterà il testo – un’unica volta, senza regia e senza prove – aprirà la busta sigillata che lo contiene soltanto quando salirà sul palcoscenico, solo in quel momento ne condividerà il contenuto con il pubblico.

Una sedia, un tavolo e un leggio sono gli unici orpelli concessi: il “qui e ora” nella sua massima espressione. Inoltre, l’interprete che accetta la sfida non può aver visto prima lo spettacolo, deve arrivare sul palco totalmente ignaro, portando in dote coraggio e leggerezza, intraprendenza, ironia ed intelligenza.

Di White Rabbit Red Rabbit sappiamo solo che è un testo teatrale scritto dall’iraniano Nassim Soleimanpour nel 2010, in un momento in cui non aveva possibilità di comunicare con l’esterno del suo Paese. Non è un testo politico e non deve essere descritto come tale, il suo contenuto è metaforico e distante da ogni orientamento politico.

White Rabbit Red Rabbit ha avuto interpreti celebri e meno celebri tra cui si ricordano, tra gli altri, Sinead Cusack, Whoopi Goldberg, Ken Loach.

immagini di Marco Gullà

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X