Palermo, ventidue anni dall'uccisione del piccolo Di Matteo - video

PALERMO. Ventidue anni fa il piccolo Giuseppe Di Matteo fu ucciso dalla mafia e sciolto nell'acido per far tacere suo padre, Santino Di Matteo, collaboratore di giustizia ed ex-mafioso. In occasione dell'anniversario della sua tragica morte il Comune di San Giuseppe Jato  ha reso omaggio alla giovanissima vittima con una giornata a lui dedicata e intitolata “Un pezzo per volta si costruisce la memoria”.

"L'atroce uccisione di Giuseppe Di Matteo - ricorda il Sindaco, Leoluca Orlando - è  divenuta uno dei più importanti simboli della insanabile contrapposizione fra cultura mafiosa e cultura della vita e l'assurdità di voler attribuire ai mafiosi, indifferenti persino di fronte alla vita di un bambino innocente, un inesistente "codice" d'onore.

Abbiamo tutti il dovere,ciascuno secondo le proprie competenze e nel proprio ambito lavorativo e personale, di ricordare il piccolo Giuseppe e tenere sempre bene a mente la realtà perversa della barbarie mafiosa". Un paio di anni or sono l'Amministrazione comunale ha reso omaggio a Giuseppe Di Matteo, intitolandogli  uno dei campi della struttura equestre all'interno del parco della Favorita.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X