LA SENTENZA

Falsi matrimoni italiane-marocchini, condanne ridotte a Palermo

di

PALERMO. La Corte d'appello di Palermo ha ridotto le pene a otto dei quindici imputati di un processo per matrimoni che sarebbero stati "combinati" allo scopo di far ottenere la cittadinanza italiana a stranieri, di Paesi non appartenenti all'Unione europea.

Per l’ottico palermitano Mirko Occhipinti, che aveva un ruolo di coordinamento e che in primo grado aveva avuto 10 anni e 2 mesi, la pena è stata ridotta a 6 anni. Giovanni Bonaccorso ha avuto 6 anni e 2 mesi; 4 anni e 4 mesi per Francesco Paolo Lo Iacono, mentre la moglie di Occhipinti, Samira Akkacha, di origini marocchine, ha avuto 5 anni, così come la connazionale Darry Amine; 3 anni e 10 mesi per Giovanni Lo Presti e Francesca Paola Cardinale; un anno e 10 mesi a Maria Laura Brignone.

Pene confermate per altri sette imputati, che dovranno tutti scontare due anni e 10 mesi: si tratta di Nadia Brignone (sorella dell'altra donna), Maria Jessica Lucera, Emanuela Salamone, Gianluca Fontana, Vincenzo Cionti, Michela Graziano e Caterina Giannò.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X