OPERAZIONE TALEA

Boss interrogato dopo la retata a Palermo: ammette gli incontri coi mafiosi ma non le estorsioni

Arresti mafia San Lorenzo Resuttana Palermo, operazione talea, Palermo, Cronaca
Giovanni NIOSI

PALERMO. Nega di aver "commissionato" ai suoi i taglieggiamenti ai commercianti e agli imprenditori palermitani, sostiene di non sapere nulla del fatto che alcuni boss avevano deciso di ucciderlo. Ammette solo che, dopo la scarcerazione, di lui si diceva che era stato liberato un "cornuto e sbirro".

Non si è avvalso della facoltà di non rispondere, ma nessun contributo ha dato alle indagini Giovanni Niosi, arrestato martedì dai carabinieri in un'operazione antimafia che ha smantellato le cosche di San Lorenzo e Resuttana.

Niosi è stato sentito dal giudice per le indagini preliminari Fabrizio La Cascia alla presenza del pubblico ministero Roberto Tartaglia. Una mezza ammissione, però, il boss, condannato a morte e poi "risparmiato" per intercessione dei capimafia di Porta Nuova, l' ha fatta: avere incontrato altri uomini d'onore nella sua officina.

Si sarebbe trattato però - ha detto - di saluti tra amici. Il boss, pompiere con la passione per il cinema - ha fatto la comparsa in una trasmissione sulla mafia di Lucarelli - è accusato di aver retto il mandamento di Resuttana. Sponsorizzato dalla moglie del boss Salvino Madonia, Mariangela Di Trapani, sarebbe stato destituito perché non sapeva gestire le casse del clan e per aver scelto, violando le "regole mafiose", di patteggiare una vecchia condanna, motivo per cui, peraltro, alcuni boss avrebbero voluto ammazzarlo.

La "padrona" e i suoi "fedeli": i nomi e i volti dei 25 arrestati nel blitz antimafia - Foto

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X